18 novembre 2019
Aggiornato 22:30
sanità

Precariato nella ricerca, Telesca: «Pressione sul Governo per superare le criticità»

L'assessore regionale alla Salute: «Avviare una ricognizione dettagliata che permetta di definire con chiarezza quanti siano e quali incarichi ricoprano i precari nell'ambito della ricerca in Fvg, in modo da stilare una proposta di dotazione organica stabile per il mantenimento delle attività di ricerca»

sanità

Serracchiani: «I ricercatori rischiano di non avere un futuro»

La presidente della Regione in visita al Burlo: «Con la precarietà in sanità non si va avanti: desidero che si possa individuare una strada per dare una risposta a questi ricercatori che oggi si trovano senza un contratto a tempo indeterminato»

La manifestazione di Roma

Cgil in piazza contro i nuovi voucher. Camusso: «Ricorreremo alla Consulta»

Il sindacato torna in piazza contro i nuovi voucher introdotti nella «manovrina». «La politica non ha avuto il coraggio di fare un confronto a viso aperto» dice la leader della Cgil. Per Camusso, il governo ha confuso in questi anni i bonus con le politiche strutturali. La replica del Premier Gentiloni: «Rispetto Cgil, ma non condivido»

edilizia

Bolzonello-Santoro, Fvg pronto ad un cambiamento epocale

E' stata sottolineata l'importanza del percorso di fusione di Ance Pordenone e Trieste, che unisce le due realtà della Venezia Giulia e del Pordenonese, un percorso che sta diventando frequente e che interessa sempre più diversi settori in regione

Servizio unico in Italia e fiore all'occhiello del FVG

Capigruppo con le lavoratrici precarie dei centri per l'orientamento

Futuro incerto per le nove lavoratrici impiegate nei centri di orientamento permanente dell'Amministrazione regionale. Si cerca una soluzione per salvaguardare la loro professionalità e l'importanza del servizio

Il 24 novembre 2016

Al Knulp, incontro sul lavoro precario

Sarà presentato il libro ‘Di condizione precaria. Sguardi trasversali tra genere, lavoro e non lavoro’, di Luca Salmieri e Ariella Verrocchio, presentato dall’Istituto Livio Saranz e dalla casa editrice EUT Edizioni Università di Trieste

Ricorre il 100° anno della battaglia

Centenario della conquista, domani la cerimonia clou

Commemorazioni per la Presa di Gorizia avvenuta l'8 agosto 1916. Domani l'alzabandiera solenne e il lancio dei paracadutisti su piazza Vittoria

Iniziativa su base sentenza Corte di Cassazione

La battaglia di Codacons in favore precari SSn Roma

L'associazione dei consumatori lancia una nuova azione collettiva riservata ai precari romani che operano nel settore della sanità

Osservatorio sul precariato realizzato dall'INPS

Lavoro, nei primi otto mesi del 2015 +319 mila contratti a tempo indeterminato

Le assunzioni con rapporti stabili aumentano al 38% del totale. In aumento anche il lavoro full time rispetto al part time: i nuovi rapporti di lavoro a tempo pieno sono passati dai 2.037.229 dei primi otto mesi del 2014 a 2.272.113 nel 2015.

La proposta del centrosinistra

Reddito di cittadinanza, anzi no di «autonomia»: ecco il modello Piemonte

La proposta prevede un contributo di 7200 euro l'anno, circa 600 euro al mese, a chi ha perso il lavoro, non l'ha mai avuto, è precario o sottoccupato. A beneficiarne, i residenti in Piemonte da almeno 36 mesi con un reddito al di sotto degli 8 mila euro

Buona Scuola a regime in tre anni

Giannini: «Nessuna deportazione di docenti, con la riforma meno mobilità»

«Francamente chiamarla deportazione mi sembra eccessivo»: così il ministro dell'Istruzione Stefania Giannini risponde a chi, in relazione alla mobilità di parte degli insegnanti che scaturisce dalla riforma della scuola, ha definito gli insegnanti «deportati»

I pentastellati a favore della relazione

M5s: «I giornalisti vanno difesi da mafie e precarietà»

«Troppi vengono uccisi, nostro il compito di proteggerli»: così gli esponenti del Movimento 5 Stelle della Commissione Antimafia votano a favore della relazione che analizza la condizione dei giornalisti e del giornalismo sotto attacco delle mafie

Scuola e lavoro

Lavoro, giovani sempre più disoccupati, crescono i «Neet»

Dati OCSE: in Italia solo il 52,8% ha un lavoro, un under 30 su quattro è “inattivo”. Bassa anche la scolarizzazione, siamo tra i peggiori per competenze in lettura, scrittura e matematica

FdI contro riforma della scuola

Buona Scuola, Meloni: ddl crea nepotismo e precari di serie A e B

Con 316 sì e 137 no, la Camera dei Deputati ha dato il via libera al disegno di legge, ora atteso a Palazzo Madama. Per Fratelli d'Italia quella di Matteo Renzi e Stefania Giannini è una «pessima riforma»

La Camera vota sulla riforma della scuola

Renzi: «La scuola non è un ammortizzatore sociale per gli insegnanti»

Il premier spinge nuovamente avanti la riforma: «Pronti a discutere il merito di tutto, con tutti, dalla scuola alla PA. Ma dopo aver discusso, si decide. L'Italia non può più perdere tempo». In aula 700 emendamenti, parlamentari dai sindacati in piazza.

Il premier sulla riforma della Scuola

Renzi apre ai precari: «Continueremo a discutere nei prossimi giorni sulle assunzioni»

Apertura del presidente del Consiglio, Matteo Renzi, sugli insegnanti precari. «Continueremo a discutere nei prossimi giorni sulle assunzioni di determinate categorie di precari piuttosto che altre, sull'organizzazione del sistema scolastico - ha detto Renzi a Trento -. Se facciamo questa riforma la scuola cambia, altrimenti non andiamo da nessuna parte».

La presidente della Camera sullo sciopero

Boldrini: insegnanti colonna portante paese, il governo li ascolti

Gli insegnanti «sono davvero una colonna portante del Paese, lo tengono in piedi in un quotidiano rapporto educativo coi nostri figli nel quale mettono capacità e passione, compensate però inadeguatamente e troppo spesso sottoposte a un precariato estenuante». E' quanto scrive su Facebook nel giorno dello sciopero del mondo della scuola la presidente della Camera, Laura Boldrini.

Il ministro dell'Istruzione sulla riforma della scuola

Giannini: con ddl portiamo il precariato alla dimensione fisiologica del 2,5%

«Il precariato in Italia è arrivato alla punta massima del 18% nel 2007. Da quel momento c'è stata una stabilizzazione - spiega il ministro dell'Istruzione Stefania Giannini -. Noi con questo ddl portiamo il precariato alla sua dimensione fisiologica che è il 2,5%, ossia togliamo quella fetta di instabilità che ha impedito alla scuola italiana di fare sempre una programmazione di qualità».

Il sindacato risponde alla Giannini

Anief: il governo non vuole cancellare precariato della scuola

Il sindacato Anief risponde alle dichiarazioni lasciate dal ministro dell'Istruzione Stefania Giannini e afferma che «Sulle mancate assunzioni dei precari il Governo sconfessa se stesso e si va verso lo sciopero generale». Per venerdì 24 aprile è prevista a Roma una manifestazione di protesta da parte di tutto il personale scolastico.

«Bluff su aperture»

M5s: Pd nega i tempi rapidi alle assunzione dei docenti precari

Finte aperture e frasi di circostanza. Per il Movimento 5 Stelle a questo si è ridotto l'atteggiamento del Governo nei confronti del nodo scuola. Oggi, secondo M5s, il governo «ha buttato la maschera» bocciando la richiesta di spacchettamento del ddl Istruzione, per consentire alla parte relativa all'assunzione dei docenti precari di viaggiare su una corsia preferenziale.

Per il M5S Renzi è un bluff

Dov'é finito il ddl sulla scuola?

Sono trascorsi otto giorni dal Consiglio dei ministri nel corso del quale è stato illustrato il Ddl sulla scuola ma, ancora oggi, di un testo ufficiale non c'è traccia. Inoltre non si sa nemmeno quando il provvedimento arriverà in Parlamento. I deputati del M5S esprimono preoccupazione, e ai microfoni di DiariodelWeb.it è intervenuto l'On. Gianluca Vacca.

L'associazione nazionale docenti boccia la riforma di Renzi

«Ci hanno messo completamente in mano ai presidi»

Dopo le manifestazioni degli studenti, anche i docenti attaccano la Buona Scuola di Renzi. Al DiariodelWeb.it, il presidente dell'Associazione Nazionale Docenti Francesco Greco spiega tutti i punti deboli del ddl: da un eccessivo potere dato ai presidi, a assunzioni promesse e non mantenute, fino a scatti di merito non pervenuti.