21 agosto 2018
Aggiornato 01:00

Gli errori della Clinton in Libia, e la storia che si ripete (5 anni dopo)

Cinque anni fa, era segretario di Stato; oggi, è aspirante presidente degli Stati Uniti. Allora, Hillary Clinton decise per l'intervento in Libia; oggi, mentre un nuovo intervento è alle porte per dirimere il caos provocato nel 2011, difende quella decisione. Ma nella sua autodifesa, non racconta «lati» della storia che tutti dovrebbero sapere

Salvini vs Renzi: ricette a confronto sulla Libia

E' stato dal salotto televisivo di Barbara D'Urso che il premier Renzi ha spiegato la posizione ufficiale del governo sulla Libia. E da altri salotti, Matteo Salvini gli ha risposto. Ecco le ricette a confronto dei due grandi rivali politici

Libia, ecco come l'Isis si impossessa del petrolio

La forza armata addetta alla protezione degli asset petroliferi libici non oppone resistenza ai jihadisti dello Stato islamico (Isis) e oggi è il principale ostacolo alle attività produttive e un intralcio alla formazione di un governo di unità.

Libia, raid milizie islamiche contro Isis a Sirte

La milizia islamiche denominate Fajr Libia, che controllano la capitale libica, hanno lanciato nella notte raid aerei contro postazioni delle milizie jihadiste dello Stato Islamico (Isis) a Sirte, città ad est di Tripoli, come hanno riferito oggi fonti ufficiali e testimoni.

Gasparri: basta slogan, bisogna bloccare le partenze

Serve il coinvolgimento fattivo e incisivo degli organismi internazionali. Maurizio Gasparri, senatore di Forza Italia, affronta il tema emergenza sbarchi e sottolinea la necessità dell'intervento dell'Onu anche in relazione alla gestione dei campi profughi in Italia, lasciati nelle sole mani dei volontariati.

Tobruk propone una road map per mettere fine alla crisi

Una delegazione della Camera dei rappresentanti libica ha consegnato all'inviato speciale dell'Onu, Bernandino Leon una road map per uscire dalla crisi che sta attraversando il Paese. Ingredienti fondamentali, il cessate il fuoco e un governo di unità nazionale.

Brescia: L'Europa vuole trattare con i dittatori? Qual è la novità?

Il Commissario Ue degli Affari interni e alle politiche sull'immigrazione ha dichiarato che «Per affrontare alla radice il problema dei flussi migratori, l'Unione europea deve cooperare con le dittature dei Paesi d'origine dei migranti». A commentare le parole di Avramopoulos, il deputato grillino Giuseppe Brescia: «Servirebbero corridoi umanitari».