10 dicembre 2019
Aggiornato 00:30

Trump elogia Saddam Hussein: «E' stato bravo a uccidere i terroristi»

Donald Trump ha di nuovo elogiato l'ex dittatore iracheno Saddam Hussein per aver ucciso dei terroristi. Attirandosi, ovviamente, la replica immediata della rivale Hillary Clinton

NEW YORK - Donald Trump ha di nuovo elogiato l'ex dittatore iracheno Saddam Hussein per aver ucciso dei «terroristi», attirandosi una immediata replica del team della rivale alla corsa alla Casa Bianca, Hillary Clinton. Gli Stati Uniti «non avrebbero dovuto destabilizzare l'Iraq», divenuto 13 anni dopo l'intervento americano «un covo dello Stato islamico» (Isis), ha dichiarato il candidato repubblicano che ha già pronunciato in passato commenti favorevoli a dei dittatori mediorientali. Saddam Hussein «era un cattivo tipo, veramente cattivo. Ma sapete cosa ha fatto di buono? Ha ucciso dei terroristi. E ha fatto bene», ha dichiarato Trump ad un comizio a Raleigh, nella Carolina del Nord.

Iraq l'Harvard del terrorismo
Trump, che inizialmente aveva sostenuto cautamente l'intervento americano prima di opporvisi, ha deplorato che l'Iraq sia diventato una «Harvard del terrorismo», riferendosi alla prestigiosa università americana.

La reazione della Clinton
Il team della campagna di Clinton ha reagito rapidamente denunciando che le dichiarazioni di Trump equivalevano di fatto a dare un sostegno al dittatore, rovesciato nel 2003 poi giustiziato nel 2006 al termine di un processo per dei crimini contro la sua popolazione, in particolare il massacro di circa 150 sciiti di 20 anni prima. «Questa sera Trump ha ancora una volta elogiato Saddam Hussein come un grande uccisore di terroristi. In realtà, il regime di Saddam Hussein era a sostegno del terrorismo», ha scritto in un comunicato uno dei consiglieri della candidata democratica, Jake Sullivan. In precedenza Trump aveva affermato che il mondo sarebbe «migliore al 100% se dittatori come Hussein o il libico Gheddafi fossero ancora al potere»

(Fonte Askanews)