12 novembre 2019
Aggiornato 13:30
Centrosinistra | Primarie PD

Renzi al PD: «Cerchiamo di parlare dell'Italia»

L'ex segretario del Pd ha parlato in questi termini della competizione apertasi in vista delle primarie nel suo partito: «Il congresso dem? Vinca il migliore»

Trieste

Oltre 200 volontari per il "Clean water", ass. Scoccimarro in primafila

All'operazione di pulizia dei fondali marini adiacenti al Molo Audace. L'assessore all'Ambiente ed energia, Fabio Scoccimarro: "Un messaggio importante per sensibilizzare le persone sul tema dell'educazione ambientale, coinvolgendo i più giovani partendo dalle scuole"

Il casop

Attacco a Rosato: la solidarietà di Grim e De Monte

«Il M5S ha la grave colpa di aver imbarbarito lo scontro politico fino a livelli mai visti prima, soprattutto attraverso i social network», ha detto la segretaria del Pd Fvg. L'europarlamentare invece ha fatto riferimento alla «spazzatura politica»

Manifestazioni e proteste

Gli uomini di Pappalardo «arrestano» Rosato, il generale esulta

In tre hanno avvicinato il deputato del Pd e lo hanno dichiarato in arresto per «usurpazione del potere politico». Il loro leader: «Consegneremo il verbale ai carabinieri. Li prenderemo tutti, città per città»

Partito democratico

Legge elettorale, Rosato contro il M5s: «La loro parola: non vale nulla!»

Il capogruppo Pd alla Camera, dopo che l'aula ha approvato due emendamenti identici su cui il relatore Fiano aveva espresso parere negativo. «Un accordo si regge sulla base delle cose che si stabiliscono insieme. Questo testo è stato votato in commissione dai grillini. Chiedo di sospendere la seduta e verificare se ci sono le condizioni per proseguire»

Maratona alla Camera

«Germanichellum», così la riforma in 13 click

Entro giovedì 8 giugno deve arrivare il voto finale della Camera, in modo da trasmettere la nuova legge elettorale al Senato intorno al 10 giugno, con un mese di tempo a disposizione per esaminarla e votarla. Tiene l'accordo Pd-M5s-Forza Italia-Lega.

Crisi di governo

La larga intesa del vitalizio può salvare il governo

Sabato pomeriggio il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella avrà concluso il giro di consultazioni per verificare lo stato di salute dell'esecutivo. 417 deputati su 630 e 191 senatori su 315 non hanno ancora maturato il diritto alla «pensione» da parlamentare, ma potrebbero averla se tengono la poltrono fino al 15 settembre del 2017

Costi della politica

I parlamentari che hanno boicottato la «taglia-stipendi» del M5s

Rosato, capogruppo Pd alla Camera: «Grillo vada dalla Raggi». I dem Marcucci ed Ermini contro Di Battista: «Solo insulti per nascondere loro flop». Dellai (Centro dem) e Repetti (Misto): «Aspettiamo referendum, ora solo propaganda»

Il contrattacco del Pd

Proposta M5S su taglio a stipendi Parlamento: lo scontro in aula

E' stata rinviata in commissione la proposta di legge presentata dal Movimento 5 Stelle sul taglio degli stipendi dei parlamentari: 109 i voti di scarto. Contrari al rinvio anche Forza Italia, FdI e Sinistra

Assemblea Nazionale del PD

Renzi: «Grazie al 41% delle europee non abbiamo pagato 30 miliardi in più di tasse»

Il Premier all'assemblea nazionale del Partito Democratico: «aver ottenuto la flessibilità in Europa ha significato non solo poter ridurre le tasse o intervenire sul sociale ma ha aperto una breccia nel terribile Moloch dell'austerity». Speranza: «Europa a rischio, rifondiamo il socialismo europeo».

Il sondaggio

Cosolini «cavallo perdente»: Russo invoca le primarie

Guerra interna al Partito Democratico: il senatore silura il sindaco uscente e si propone come suo successore. Uno sconquasso vero e proprio nei dem, che rischia di innescare nuove correnti e faide interne.

I dem: «Troppi silenzi». La replica: «Intanto condannano i vostri»

Inchiesta Quarto: scontro Pd-M5s, Grillo va al contrattacco

L'indagine per presunti rapporti con la camorra di un consigliere comunale a Quarto (Na) del Movimento 5 stelle è l'ultimo terreno dello scontro fra il PD e i seguaci di Beppe Grillo, che non manca di rispondere alle accuse.

Il premier e la battaglia sulle riforme

Renzi: «Sul Senato non si torna indietro»

I renziani si dicono certi di avere vi numeri: «Basta la maggioranza semplice». E mettono in guardia: se il governo Renzi va a casa, poi ci sarà solo il voto. Da qui la convinzione che «i numeri ci saranno», magari non dalla minoranza Pd, ma da Forza Italia

Dietro la riforma si intravedono altri scenari

Brunetta boccia, Gelmini rimanda. E Berlusconi?

Sulla scuola i fedelissimi di Berlusconi si dividono in possibilisti e irriducibili. La domanda che circola fra i corridoi di Montecitorio è: di fronte ad una forte sconfitta di Forza Italia, Berlusconi preferirebbe fare il gregario di Matteo Renzi o di Matteo Salvini?

Il capogruppo Fi contro Pd

Brunetta: «Sconcertante e inaccettabile è stata la presa in giro di Rosato»

Su Twitter Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia a Montecitorio, risponde al vice capogruppo vicario del Pd, Ettore Rosato, che, in dopo le parole dure di Brunetta alla presidente della Camera difende la Boldrini a spada tratta. Per Brunetta «Spudorato Rosato, capogruppo in pectore e più renziano del re».

I 38 del Pd che hanno cercato di sgambettare il governo

Bersani, l’eterno sconfitto

Non si è spaccato il partito democratico, ma il partito dei dissidenti. La maggior parte dei riformisti si è schierata con il premier in difesa dell’ unità del gruppo e della poltrona. Ma anche chi ha scelto la strada dell’astensione rischia poco: «Non ci saranno azioni disciplinari, non siamo il 5Stelle», li ha rassicurati Ettore Rosato.

352 sì: passa la fiducia sull'Italicum

Rosato: pronti a ricucire con chi non ha votato la fiducia

Il capogruppo reggente dei democratici alla Camera, Ettore Rosato, ha affermato che sono «36 i deputati del Pd che non hanno votato la fiducia per scelta politica, qualcun altro è assente per altri motivi». Il risultato della prima fiducia sull'Italicum con i 352 sì è «un ottimo risultato, il governo è nel pieno della fiducia. Andiamo avanti su questa strada per fare le riforme».

Pd sulla legge elettorale

Rosato: nel Pd solo un'esigua minoranza contraria all'Italicum

Ettore Rosato, vicecapogruppo vicario del Pd, in una intervista alla Stampa sulla legge elettorale, si dice convinto che «alla fine i contrari si conteranno sulle dita di una mano». E sulle pregiudiziali di costituzionalità aggiunge che «il senso di responsabilità supera anche i dissapori interni».