20 giugno 2019
Aggiornato 21:00
Legge elettorale

Il Rosatellum è legge, ecco come voteremo alle prossime elezioni

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha promulgato la nuova legge elettorale e firmato il cosiddetto Rosatellum

MILANO - Sergio Mattarella ha promulgato la nuova legge elettorale. Il capo dello Stato ha firmato infatti il cosiddetto Rosatellum, la nuova legge elettorale è un sistema misto, prevalentemente proporzionale con una soglia di ingresso del 3% per le singole liste che per le coalizioni sale al 10%. La legge sarà messa alla prova alle elezioni politiche della prossima primavera. Il via libera del presidente della Repubblica è arrivato, come previsto, e a soli sette giorni dal via libera definitivo del Senato lo scorso 26 ottobre. Ecco, in sintesi, come funziona il Rosatellum. Il 36% dei seggi viene assegnato con l'uninominale, il 64% con il proporzionale. 231 sono quindi i seggi alla Camera e 109 quelli al Senato assegnati in collegi uninominali, vince il candidato più votato. Il resto dei seggi viene assegnato con metodo proporzionale, nell'ambito di collegi plurinominali: i listini non possono contenere un numero di candidati inferiori a 2 e superiori a 4. Le circoscrizioni sono 20 per il Senato e 28 alla Camera. All'elettore viene consegnata un'unica scheda, sia per il proporzionale che per il maggioritario. Una scheda è per la Camera e una per il Senato. Altra novità importante è il meccanismo anti-frode: ossia su ogni scheda ci sarà un tagliando removibile, dotato di codice alfanumerico progressivo, che verrà rimosso e conservato dall ufficio elettorale prima che venga depositata nell urna. Sono ammesse le pluricandidature fino a un massimo di 5 nei listini proporzionali, non sono consentite nei collegi. Ci sono le quote di genere per evitare che gli uomini superino il 60% dei candidati.