16 dicembre 2018
Aggiornato 18:30

La furia di Rosato contro Di Maio: almeno Berlusconi non faceva condono solo ad Arcore. E su Salvini...

"Chi produce si rende conto di quanto questo governo sia incapace. E continua la narrazione complottista dei grillini"

Il deputato Pd Ettore Rosato con il vicepremier Luigi Di Maio
Il deputato Pd Ettore Rosato con il vicepremier Luigi Di Maio (ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)

ROMA - Ettore Rosato impallidisce di fronte a una possibile sintonia tra dem e grillini evocata - non si capisce poi perché - da qualcuno. "Il problema è il segretario del Pd o cosa fa il M5S? Questi hanno votato il dl sicurezza di Salvini senza avere un sussulto di coscienza, a parte 4 battute demagogiche che ha fatto qualcuno. Cosa abbiamo in comune con questi?" attacca il deputato del PD e vicepresidente della Camera, a Radio Cusano Campus. "Con Di Maio che fa i condoni edilizi per il suo collegio? Almeno Berlusconi non faceva il condono edilizio su Arcore, ma per tutta Italia. Di Maio invece se l'è fatto solo per il suo collegio" tuona.

Il nodo Genova
"Invece di mettere le risorse per le alluvioni, il maltempo e la ricostruzione di Ponte Morandi, hanno pensato bene di dire alla Regione Liguria: arrangiati, puoi aumentare le accise sulla benzina. E' facile risolvere i problemi così, ma è inaccettabile». Se poi il governo deciderà di cancellare un emendamento dei relatori, "per il trambusto che ne è generato", per il malcontento emerso, questo non lo sa Rosato, ammette, "però al momento la situazione è questa». Toninelli dice che è una misura cautelativa? "Ho imparato a non cercare di interpretare quello che dice Toninelli altrimenti sarei ancora a girare dentro un tunnel che non esiste. Cautelativa vuol dire che se il governo non farà la sua parte, arrangiatevi da soli e aumentate la benzina». Toti ha un governo con la Lega, "non è che si può dire che è un governatore malvagio del Pd. E' un'operazione di scaricabarile, quando invece i cittadini di quella Regione si aspettavano che il governo facesse la sua parte. Ricordo che Salvini mostrando le tabelle disse che avrebbe cancellato le accise al primo Consiglio dei ministri, naturalmente non è successo nulla di tutto questo".

I danni della legge di bilancio
I danni di questa legge di bilancio si vedono sui conti delle aziende e delle famiglie, continua Rosato. Secondo lui il governo ha cancellato tutte le misure che servivano alle imprese, depotenziandole. "Le promesse sull'abbassamento delle tasse sono sparite, le imprese dicono: la nostra sopravvivenza è a rischio. Le associazioni di categoria non è che si schierano per un governo o per un altro, si schierano contro chi sta dimostrando di non sapersi occupare della cosa pubblica». Tutta colpa dell'incapacità di dare una risposta concreta ai problemi, sostiene, "quando non si sa che cosa dire si dice che è colpa dei poteri forti. Chi lavora, chi produce si rende conto di quanto questo governo sia incapace. Poi ovviamente continua la narrazione complottista dei grillini. E' come quel paziente malato che, visto che il dottore gli dice ti devi operare, va da un curatore ciarlatano e si affida ai suoi consigli" conclude Rosato.