20 febbraio 2019
Aggiornato 01:30
Gran Bretagna | Politica

Khan e Dugdakle «scaricano» Corbyn

Ultimi in ordine di tempo ma non di importanza sono il sindaco di Londra, Sadiq Khan, e la leader dei laburisti scozzesi, Kezia Dugdale: il loro messaggio è sostanzialmente il medesimo, ovvero l'impossibilità per Corbyn di vincere le prossime politiche, quale che sia il sostegno della base del partito.

Premier si scaglia contro Corbyn, glissa su questione Brexit

Cameron al Congresso Tories: segnerò la svolta della Gran Bretagna

«Non vi deluderemo»: è con un messaggio agli elettori che hanno portato il partito al trionfo alle elezioni di maggio che David Cameron ha dato il via al suo discorso all'annuale congresso dei Tories a Manchester in cui ha ribadito che non si ripresenterà da leader alle prossime elezioni

Gran Bretagna

Corbyn forma governo ombra. Ma è polemica sul responsabile delle finanze

Dopo la schiacciante vittoria alle primarie per la guida del partito laburista britannico, Jeremy Corbyn ha varato il suo nuovo governo ombra scegliendo per il posto chiave di cancelliere dello Scacchiere ombra, responsabile delle finanze, un suo vecchio amico, John McDonnell, una figura di estrema sinistra che ha già sollevato i mugugni di una parte del partito.

Gran Bretagna

Corbyn: «Le persone vogliono un'alternativa reale»

Il neo-eletto leader del partito Labour, in un intervento pubblicato oggi in Italia da la Repubblica, sostiene che la sua elezione «più di ogni altra cosa, ha dimostrato che milioni di persone vogliono un'alternativa reale, e non che le cose proseguano come al solito, sia dentro sia fuori dal Partito laburista».

Gran Bretagna

Corbyn nuovo leader dei laburisti

Largamente favorito alla vigilia, è stato eletto alle primarie di oggi con il 59,5% delle preferenze dei 422.664 elettori, superando i suoi tre rivali Andy Burnham, Yvette Cooper e Liz Kendall.

Ma la stampa insinua il dubbio di un flop in dirittura di arrivo

Primarie Labour Gb, Corbyn svetta tra mille dubbi

La corsa per le primarie dei Labour in Gran Bretagna è agli sgoccioli. Si vota fino a mezzogiorno di oggi e nei sondaggi è dato sempre in testa Jeremy Corbyn, anche se le ultime indicazioni e i titoli di alcuni quotidiani insinuano il dubbio di un possibile flop in dirittura di arrivo

Ex premier Blair e gli altri candidati: «non votatelo»

Corbyn fa tremare la vecchia guardia del Labour

La prospettiva di un trionfo di Jeremy Corbyn alle primarie del Labour ha dato nuova speranza all'elettorato più progressista del partito ma ha gettato nel panico una dirigenza non ancora uscita dal cono d'ombra del blairismo

Il candidato della sinistra Labour in corsa per leadership

L'appello di Blair: Corbyn pericolo mortale per il Labour

Il Partito laburista si trova in pericolo mortale come non era mai accaduto negli oltre cento anni della sua esistenza. A dirlo è l'ex premier laburista Tony Blair che lo ha guidato per tredici anni e ne fa parte da oltre quaranta

A furia di difendere l'Europa, i progressisti si sono tirati la zappa sui piedi

La sinistra europea si è suicidata sull’altare dell’Ue

Vittima della crisi greca, anche la sinistra europea. Che, a furia di difendere l'Unione, è diventata la prima alleata dell'Europa delle banche di cui diceva di essere nemica, allontanandosi sempre di più dal popolo e dai valori che avrebbero dovuto contraddistinguerla

Miliband verso le dimissioni

L'umiliante notte dei laburisti

Dopo l'inattesa sconfitta elettorale del partito laburista britannico il suo leader Ed Miliband si sta preparando a dimettersi. Lo afferma la Bbc e lo confermano fonti di partito al Guardian. Di certo c'è che il 45enne Miliband parlerà tra poco allo staff laburista.

Triste notte per i laburisti

Il trionfo di Cameron

Il premier britannico David Cameron si prepara a restare a Downing Street per altri cinque anni, mentre il suo partito conservatore a sorpresa potrebbe avere la maggioranza assoluta in Parlamento, stravolgendo tutti i pronostici che lo volevano testa a testa con i laburisti.

La triste notte di Ed Miliband

I nazionalisti scozzesi sconfiggono i laburisti

La carica l'ha sostanzialmente suonata Mhairi Black, la ventenne nazionalista scozzese che ha soffiato il seggio a una delle figure più importanti del Labour, Douglas Alexander, e diventando la più giovane eletta al Parlamento di Westminster dal 1667. Una carica che incarna la vittoria dell'Snp sui laburisti in Scozia.