24 agosto 2019
Aggiornato 22:00
Formula 1

Mercedes alle grandi manovre (fuori pista)

Il boss Toto Wolff lavora ad importanti contratti per il futuro della Freccia d'argento: il rinnovo di Lewis Hamilton e l'accordo con una scuderia satellite

Formula 1

«Non licenziate Arrivabene»: lo difende pure Vettel

Il team principal della Ferrari rischia di diventare il capro espiatorio per gli ultimi disastri e di essere sostituito dal direttore tecnico Mattia Binotto. Ma la squadra fa scudo al suo leader

Formula 1 | Gran Premio degli Stati Uniti

La Ferrari volta pagina: «Troviamo una soluzione ai problemi»

Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen vogliono mettersi alle spalle le disastrose trasferte asiatiche e la loro raffica di guasti al motore: «Ma non solo mettendoci una pezza, bensì risolvendoli in maniera definitiva». La fiducia nella squadra, comunque, non manca, e così si inizia già a guardare al futuro

Formula 1

La Ferrari guarda già al 2018: «Saremo più forti»

Il momento di leccarsi le ferite per le disastrose trasferte asiatiche che hanno compromesso il Mondiale è già passato. Ora sia il pilota Kimi Raikkonen che il team principal Maurizio Arrivabene pensano al riscatto nella prossima stagione: «Quest'anno siamo andati nella direzione giusta, non siamo inferiori alla Mercedes»

Formula 1

Spunta il responsabile della rottura della candela Ferrari

Non ci è voluto molto perché il nome del fornitore di quel «componente che costa 59 euro», come lo ha definito il presidente Sergio Marchionne, che è costato il GP del Giappone e forse anche il Mondiale alla Rossa. E la beffa è che si tratta di un'azienda di casa, che ha sede a pochi km dalla pista

Formula 1 | Gran Premio del Giappone

Arrivabene, la verità fa male: «Identificato il problema»

Un guasto da pochi euro, «una candela che si è rotta insieme alla bobina», sta alla base del suicidio perfetto della Ferrari. Ma il team principal non può fare altro che continuare a spronare i suoi: «Al di là dei componenti, che ultimamente ci hanno lasciato a piedi, la macchina è buona: andiamo avanti»

Formula 1 | Gran Premio del Giappone

Ferrari, saltano le prime teste per il doppio guasto al motore

Gli errori costati una probabile vittoria in Malesia non resteranno impuniti: «Abbiamo pianificato una riorganizzazione del reparto qualità», rivela il direttore tecnico Binotto, spiegando che a causare il problema è stato proprio il controllo delle componenti. Ma nel mirino ci sarebbe pure Arrivabene...

Formula 1 | Gran Premio della Malesia

Ferrari fantozziana: guasti, ritiro, incidente e rischio penalità

In un weekend in cui era la macchina da battere, la Rossa ha inanellato una serie incredibile di sventure, che hanno messo fuori gioco Raikkonen al via e hanno costretto Vettel ad una clamorosa rimonta. Poi, come se non bastasse, il tedesco è stato tamponato a fine gara, e potrebbe pagarlo...

Formula 1

«Non è finita: ecco i GP che favoriranno la Ferrari». Parola di Hamilton

Ad alcuni (come Niki Lauda) i 28 punti di vantaggio della Mercedes potrebbero sembrare decisivi. Ma il capolista Lewis non la pensa allo stesso modo: «Anche in Giappone, in Brasile e in Messico serve tanto carico aerodinamico, e questo ci svantaggerà». Sono chance che la Rossa non potrà perdere

Formula 1

Ferrari, cercasi due sedili per i talentini Giovinazzi e Leclerc

La Rossa di Maranello ha per le mani due giovani piloti promettenti: il nostro Antonio e il monegasco Charles. Entrambi scalpitano per correre nel Mondiale il prossimo anno, ma gli unici sedili a disposizione sono i due della ferrarina svizzera Sauber. Così, Marchionne e Arrivabene sono volati a Hinwil

Formula 1 | Gran Premio d'Italia

Marchionne furioso: «Imbarazzante, mi girano le balle»

La rabbia del presidente a ruota libera dopo la sconfitta subita dalla Mercedes nella sua gara di casa di Monza: «Questa non è la Ferrari, bisogna raddoppiare l'impegno. Evidentemente abbiamo sbagliato qualcosa in settimana. Dobbiamo togliere il sorriso dalla faccia di questi qui»

Formula 1 | Gran Premio d'Ungheria

Arrivabene perdona la furbata dell'olio Mercedes: «Nessun conflitto con Wolff»

Si arriva a Monza, nel cuore di una lotta per il Mondiale accesissima, e sull'onda della polemica tecnica di cui ha discusso tutto il paddock. Ma tra i team principal della Ferrari e delle Frecce d'argento prevale la cavalleria: «La competizione è in pista, mentre fuori ci rispettiamo»

Formula 1 | Gran Premio del Belgio

Arrivabene: «Che bella Ferrari, ci è mancato pochissimo»

Sebastian Vettel sconfitto da Lewis Hamilton a Spa-Francorchamps, ma la Rossa dimostra competitività anche in una gara in cui non era la favorita. Segno che la squadra sta crescendo molto, come ha confermato anche il team principal dopo la bandiera a scacchi ai microfoni della tv

Formula 1

Una lotta di potere minaccia la serenità in Ferrari: Arrivabene vs Binotto

Da un lato il direttore tecnico che ha realizzato il miracolo della SF70H e ora vorrebbe farlo pesare per conquistarsi il ruolo di capo della Scuderia. Dall'altro l'attuale team principal, che per conservare la sua ambita poltrona ha mosso nientemeno che il principale sponsor, la Philip Morris

Formula 1 | Gran Premio d'Ungheria

Ferrari, un trionfo di squadra: il grintoso Vettel e il «vichingo» Raikkonen

Più ancora che i punti guadagnati in classifica e la velocità dimostrata dalla macchina, il lato positivo che la Rossa porta a casa dall'Hungaroring è la tenuta del team: Kimi ha rinunciato alle sue velleità di vittoria per aiutare il suo capitano, alle prese con un fastidioso problema allo sterzo

Formula 1 | Gran Premio di Gran Bretagna

Perché sono esplose le gomme della Ferrari? Non lo sa neanche Pirelli

Persino il fornitore unico di pneumatici della F1 non ha ancora compreso la causa dei problemi occorsi sul finale di gara a Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel, che sembrano comunque diversi per i due piloti: «Li esamineremo insieme al team per capire», spiega il responsabile Mario Isola

Formula 1

Ferrari, il giallo del motorista si infittisce: licenziato o promosso?

Da ieri il paddock si chiede i veri motivi dell'allontanamento di Lorenzo Sassi, papà del supermotore di Maranello. L'ultima ipotesi è quella che in realtà non sia stato cacciato, ma chiamato ad occuparsi di tutti i motori ibridi del gruppo Fca. Ma perché, allora, Sergio Marchionne non lo dice?

Formula 1 | Il caso

A Vettel arriva il più bel regalo di compleanno: Todt lo grazia per la ruotata

Proprio nel giorno in cui compie 30 anni, Seb esce indenne dall'incontro con il presidente della Federazione a Parigi, dove è finito alla sbarra per il fallo di reazione di Baku. Gli è bastato assumersi la colpa e promettere di non ripeterlo più per farla franca e restare in corsa per il Mondiale