29 giugno 2017
Aggiornato 05:30
> <
RSS

Mercoledì l'incontro Governo-M5s

Ministro delle Riforme Boschi: «Individueremo la delegazione nei prossimi giorni, sarà il presidente del Consiglio a decidere. Tutto è fattibile, bisogna capire se c'è la volontà davvero di partecipare alla trasformazione del paese o se rimangono su posizioni di conservazione come è stato finora e se condivideranno gli obiettivi della riforma»

Grillo, le profezie e la bancarotta

In autunno l'Italia farà bancarotta. E' la profezia di Beppe Grillo che in un'intervista rilasciata alla Bild da Villa di Tissano prevede che tra settembre e ottobre lo «Stato finirà i soldi» e allora diventerà «difficile pagare gli stipendi e le pensioni»

Napolitano: «Per il Governo servono intese»

L'avvertimento del Presidente della Repubblica: «Sulla base dei risultati elettorali - di cui non si può non prendere atto, piacciano oppur no - non c'è partito o coalizione (omogenea o presunta tale) che abbia chiesto voti per governare e ne abbia avuti a sufficienza per poterlo fare con le sole sue forze»

Napolitano, su tavolo anche ipotesi dimissioni

I colloqui di oggi non sembrano aver sbloccato la situazione che vede Pd e Pdl su due posizioni inconciliabili. Silvio Berlusconi ha oggi rilanciato l'idea del governo di larghe intese insieme a Pd e Scelta civica. Mentre il Pd ha chiuso totalmente su questa ipotesi affidandosi al Presidente della Repubblica e alle sue valutazioni

Da oggi Bersani alla prova dei partiti

Dureranno oggi e domani. Giovedì Bersani è atteso al Quirinale da Napolitano per fare le sue valutazioni e richieste e mettere Napolitano in condizione di tirare le somme sull'incarico: mettere la parola fine all'esplorazione Bersani, dare il via libera alla nascita di un suo Governo che vada la prossima settimana alle Camere a chiedere il voto di fiducia

Napolitano, Bersani e i «numeri certi»

Il Capo dello Stato non ha nascosto che la soluzione al problema del governo «sarà difficile» e anche per questo la formula con cui ha chiamato il leader del Pd al Colle riassume esattamente l'originalità della fase politica che non consente alla coalizione che ha raggiunto la maggioranza dei voti alla Camera di assicurarsi gli stessi numeri al Senato

> <