12 novembre 2019
Aggiornato 01:30

Berlusconi: «Con Governo a Sinistra rischio patrimoniale»

Così il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, al termine delle Consultazioni: «Non riferisco come Merkel e Juncker hanno definito il precedente Governo»

Video Agenzia Vista

ROMA - Per Silvio Berlusconi un governo «sbilanciato a sinistra» è una minaccia per l'Italia. Al termine del colloquio della delegazione di Forza Italia con Sergio Mattarella sulla crisi di governo, il leader azzurro ha sostenuto che «un governo fortemente sbilanciato a sinistra sarebbe pericoloso per le imprese, per lo sviluppo, per la sicurezza, per le garanzie e la libertà di tutti i cittadini. Esiste il rischio concreto che di fronte alle difficoltà ereditate dal passato si ricorra a una imposta patrimoniale che metterebbe in pericolo il risparmio degli italiani e comprometterebbe definitivamente le aspettative di crescita», ha aggiunto, rilanciando il suo tradizionale allarme per l'ipotesi di una «traduzione dal francese» della legislazione tributaria sulla casa e sulla donazione e sulle successioni «che arriva addirittura a un prelievo del 45 per cento».

«Il paese ha bisogno di un Governo stabile»

«E' persino superfluo aggiungere - ha ripreso poi la lettura della dichiarazione scritta - che in nessun caso Fi è disponibile a partecipare in operazioni di questo tipo, ad alleanze con chi abbiamo contrastato in campagna elettorale e che esprime una visione del Paese diversa ed opposta alla nostra. Dopo tanto avventurismo il Paese ha invece bisogno di un governo stabile, un governo solido, coeso, con un programma coerente, con una forte legittimazione democratica. Bisogna fornire risposte ai problemi degli italiani».