3 febbraio 2023
Aggiornato 01:30
Benessere

Arnica gel per il dolore: cos’è e quali sono i suoi benefici

L’Arnica Montana è una pianta tipica delle zone montuose, un antidolorifico naturale con effetto anche antinfiammatorio

Arnica gel
Arnica gel Foto: Ufficio Stampa

L’Arnica Montana è una pianta tipica delle zone montuose, chiamata anche «margherita di campagna» per via della sua somiglianza con la comune margherita, se non per il differente colore dei petali.

Viene usata da tempo per curare i dolori soprattutto muscolari o articolari, essendo un antidolorifico naturale con effetto anche antinfiammatorio.

Attualmente è possibile trovarla in commercio in forma di gel, per uso topico, da spalmare nelle zone lese.

Essendo un prodotto naturale è acquistabile tranquillamente anche nelle erboristerie, o online su https://www.dulacfarmaceutici.com/it/arnica-prodotti/.

Benefici e usi

Il contenuto della pianta, trasformata poi in gel, offre proprietà lenitive, antinfiammatorie, antidolorifiche, antinevralgiche e antimicrobiche.

Questo la rende utile per una lunga serie di dolori e problematiche a livello cutaneo, muscolare o articolare.

In particolare, l’arnica in gel viene usata per il trattamento di contusioni o ematomi, grazie al suo potere lenitivo e antinfiammatorio è in grado, infatti, di ridurre sia il dolore che il gonfiore nella zona colpita.

Grazie alle sue proprietà antimicrobiche e antibiotiche è utilissima anche in presenza di ferite e piccole lesioni, come ad esempio le punture d’insetto, leggere infiammazioni cutanee o acne.

Anche a livello articolare risulta particolarmente efficace, alleviando il dolore e velocizzando il processo di guarigione in caso di slogature, ad esempio, o può essere d’aiuto per i sintomi dell’artrite.

Viene, infine, molto usata per la rigidità muscolare, ma anche per migliorare i movimenti in soggetti affetti da osteoartrosi.

Le fasce massaggianti all’arnica

Da qualche tempo si è sviluppata la possibilità di acquistare fasce massaggianti per i dolori muscolari o articolari, fornite di un sistema a capsule in grado di rilasciare sostanze lenitive.

Si tratta delle solite bande muscolari, da usare per la zona lombare, caviglie, polsi, ginocchia o gomiti, con effetto massaggiante grazie alla struttura del loro tessuto, elastiche e comode da indossare quotidianamente sotto i vestiti.

All’interno del tessuto sono posizionate delle microcapsule che, a contatto con la pelle, rilasciano principi attivi in grado di stimolare l’azione lenitiva della zona.

I principi attivi contenuti all’interno di queste microcapsule sono oli essenziali, mentolo, ma anche arnica, facendo così che le fasce non funzionino solo da supporto e tutori, ma abbiano un vero e proprio effetto antidolorifico e antinfiammatorio, tutto senza il bisogno di spalmare attivamente un gel.

Avvertenze e controindicazioni

Esiste la possibilità di assumere l’arnica per via orale, tramite compresse o in tisane, ma è stato visto che può provocare qualche disturbo come gastrite, nausea, diarrea, enterocoliti, vertigini, cefalea, palpitazione e ipotensione arteriosa.

In generale, il suo uso interno è sconsigliato a meno che non venga assunto come metodo omeopata, quindi fortemente diluito e dinamizzato, in quanto l’arnica risulta essere cardiotossica.

Per il momento l’uso più sicuro quindi è quello topico, in gel, da applicare direttamente sulla zona lesa e massaggiare delicatamente.

La delicatezza del massaggio è un aspetto fondamentale, infatti la frizione troppo energica e prolungata può provocare irritazioni ed eruzioni cutanee.

È importante porre un’attenzione particolare se assunta in concomitanza con altri farmaci o prodotti, per evitare che possano entrare in conflitto, tra cui anticoagulanti cumarinici, alcuni tipi di oli essenziali e l’aglio.

È sconsigliato, infine, l’uso durante la gravidanza o in allattamento.