21 novembre 2018
Aggiornato 06:30

Terrorismo, blitz in Puglia: in manette tunisino

Operazione antiterrorismo islamico in Puglia nei confronti di due fratelli tunisini residenti a Foggia. Uno è stato sottoposto a fermo per apologia di terrorismo e detenzione di armi, l'altro, rintracciato a Padova, ha ricevuto un decreto di espulsione.

Video

New Jersey, trovato zaino con 5 cariche esplosive

New York, Minnesota, New Jersey: nella notte tra sabato e domenica, gli Stati Uniti sono ripiombati nell'incubo terrorismo. Intanto cinque persone sono state fermate in connessione con l'attentato che ha colpito il quartiere di Chelsea, a New York.

Burkini, Governo francese sull'orlo di una crisi di nervi

Mentre il divieto del burkini è approdato al Consiglio di stato, giudice di ultima istanza per i ricorsi contro le decisioni di un'autorità pubblica, il ministro dell'Interno francese Bernard Cazeneuve, cercando maldestramente di salvare capra e cavoli.

Valls: «Scarcerare killer di Rouen è stato un fallimento»

La critica del Premier francese non tocca direttamente l'operato del governo, ma rappresenta un netto cambio di registro rispetto alla posizione ufficiale dopo il massacro di Nizza, che ha causato 84 morti, quando le forti critiche della destra si sono scontrate con il netto rifiuto ad ammettere la minima pecca nel dispositivo di sicurezza.

Per la Procura di Parigi la strage di Nizza era premeditata

Le indagini hanno potuto confermare che l'autore della strage, il tunisino Mohamed Lahouaiej Bouhlel, aveva effettuato diversi «sopralluoghi» lungo la Promenade des Anglais nelle ore precedenti l'attacco e si era scattato quattro selfi, ha informato Molins, responsabile dell'inchiesta.

Nizza, capitale della jihad in Francia

Uno dei principali «contingenti» di jihadisti francesi partiti per l'Iraq e la Siria arriva effettivamente da Nizza e dall'area circostante. L'attentatore di origine tunisina che ieri ha falciato la vita di 84 persone, viveva nel quartiere des Abattoirs, nell'est della città. Mentre il 10% dei 1.400 «jihadisti francesi» arriva dalle Alpi Marittime.

Video

Nizza, la spiaggia chiusa alla mercé dei gabbiani

Alcuni dei tratti del litorale della citta francese sono stati chiusi in seguito all'attentato della sera del 14 luglio 2016 e sono rimasti pieni di rifiuti, avanzi di cibo abbandonati per terra da chi aveva riempito la Promenade des Anglais per assistere ai fuochi di artificio sul mare. Un pasto appetitoso per i gabbiani.

Letta: «Convivere col terrore, come Israele. Alzare muri non serve»

Per battere il terrorismo suicida dobbiamo trasformare il nostro modo di vivere, come hanno fatto gli israeliani: «La paura deve diventare una risorsa». L’ex premier Enrico Letta, che da un anno guida a Parigi l’università Sciences Po, sprona le istituzioni italiane ed «Trasformare paura in risorsa».