18 novembre 2019
Aggiornato 18:00
L'Osce denuncia irregolarità

Referendum in Turchia, Erdogan: osservatori Osce faziosi

Erdogan ha risposto con durezza alle accuse di irregolarità mosse dall'Osce rispetto al referendum turco che ha cambiato per sempre il volto del Paese dando poteri senza precedenti al presidente

Il capo del Cremlino a Parigi

Putin a Parigi per il vertice sull'Ucraina. Sullo sfondo, la Siria

Il presidente russo Vladimir Putin è giunto a Parigi per una serie di colloqui con il collega francese Francois Hollande e per prendere parte alla prevista riunione sulla crisi ucraina insieme ai rappresentanti di Germania, Francia e Ucraina

Lo ha detto il capo della missione Osce

Osce: molestie senza precedenti contro osservatori in Est Ucraina

Gli osservatori dell'Osce nell'est dell'Ucraina hanno subito molestie senza precedenti durante la recente ondata di violenze nell'area, in particolare, secondo il capo della missione Osce, da parte dei ribelli filorussi

Avvenuto domenica a Donetsk

Ucraina, Ue condanna filorussi per attacco a veicoli Osce

L'Unione Europea ha denunciato l'attacco "inacettabile" avvenuto domenica nella città ucraina di Donetsk contro i mezzi blindati degli osservatori dell'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (Osce)

Osce: agli elettori non sono state offerte alternative

La farsa delle elezioni kazake

In una tornata elettorale che era tutt'altro che imprevista nei suoi risultati, Nursultan Nazarbayev è stato confermato ieri presidente del Kazakistan per un ulteriore mandato, da aggiungere al quasi quarto di secolo già trascorso al potere nella più ricca delle repubbliche ex sovietiche dell'Asia centrale.

La denuncia dell'Osce

Kazakistan, elezioni fasulle?

A proposito delle elezioni kazake, l'Osce ha parlato di «significative restrizioni libertà di espressione»: in effetti, è stato rieletto il presidente uscente Nursultan Nazarbayev, che guida il Kazakistan dal 1989, con un'affluenza maggiore del 95% e raccogliendo il 97,7% dei voti a favore.

Il punto di vista di diversi analisi

Ucraina: perché, tregua o non tregua, avrà la meglio Putin

Il capo del Cremlino potrebbe uscirne molto bene, sia che il cessate il fuoco venga ripristinato sia che salti l'accordo di Minsk. Anche se un'incognita c'è. E, strano a dirsi, potrebbe essere rappresentata dalla Cina

Sempre più alto il linguaggio di guerra fra USA e Russia

Ucraina, Washington minaccia. Gorbaciov: «Sono diventati matti?»

«Gli Stati Uniti continuano a valutare come sostenere l'Ucraina, ma non sono ancora state prese decisioni sulla fornitura di aiuti letali a Kiev», ha spiegato il portavoce del dipartimento di Stato, Jen Psaki. L'ultimo presidente dell'Urss si è detto preoccupato: «La guerra fredda è già in corso. Sfortunatamente non posso dire che non si trasformi in una guerra vera».

Crisi ucraina

Kiev teme un'invasione russa e una «guerra continentale su ampia scala»

Il segretario del Consiglio nazionale di Sicurezza ucraino, Oleksandr Turchinov, ha messo in guardia il Parlamento sulla possibilità che si arrivi a una «ripresa delle ostilità e un attacco con la partecipazione delle forze armate russe». Richiamati 50mila riservisti. Anche la Germania e la Lituania hanno paura di un'escalation del conflitto

La crisi Ucraina

Ucraina, grosso scambio di prigionieri tra esercito e ribelli

L'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa ha seguito le operazioni di scambio, che sono per ora l'unico frutto tangibile dei colloqui di mercoledì 24 dicembre tra il Gruppo di Contatto - rappresentanti di Kiev, di Mosca e dell'Osce - e i separatisti.

Crisi ucraina

A chi non piace l'accordo di Minsk

L'applicazione del protocollo di pace firmato tra Kiev, Mosca e separatisti sotto l'egida dell'Osce è la principale sfida per il presidente Poroshenko in vista delle elezioni parlamentari di ottobre. Tuoni e fulmini da Tymoshenko, che ha criticato l'intesa con Putin, ritenendola pericolosa. Contrari anche i nazionalisti.

La crisi ucraina

Tregua in Sud-Est Ucraina, ma la pace resta da costruire

Resta da vedere se l'accordo reggerà alle tensioni sul terreno (a Donetsk e a Mariupol sono stati segnalati scontri in nottata e anche durante i negoziati). E, soprattutto, da una parte e dall'altra arrivano già i primi distinguo, ad avvertire che la tregua ci sarà, ma la pace è ancora da costruire.

La crisi ucraiana

Bruxelles punta sul piano Poroshenko

Il piano di pace presentato dal presidente Petro Poroshenko per fermare le violenze nell'est dell'Ucraina rappresenta un'«importante chance» per bloccare l'escalation militare. L'hanno affermato oggi i ministri degli Esteri dei Ventotto, riuniti in Lussemburgo.