11 dicembre 2019
Aggiornato 22:30
Il ritorno della Troika

Grecia, nessuna pietà per Tsipras

L'Eurogruppo ha applaudito alle riforme del governo Tsipras, ma ha sbloccato solo una prima tranche degli aiuti promessi al paese. La Troika fa sapere che il resto verrà sborsato dall'Esm solo dopo un'altra accurata valutazione

Dalla Exor alla Apple

Europa, dove tutto è merce da competizione. E dove muore il caro vecchio Stato

La Exor non è più italiana e l'Irlanda preferisce rinunciare a 13 miliardi di euro dovuti dalla Apple al governo irlandese. Sono solo i primi sintomi di una malattia ben più grave che rischia di travolgerci tutti e decretare la fine dello stato nazione

Putin il grande bersaglio

Panama Papers, perché neanche un nome americano?

Complotto sì o complotto no? Mezzo mondo si divide, ma quel che è certo è che degli Stati Uniti in questi leaks non c'è nemmeno l'ombra. E Panama è storicamente il crocevia di operazioni guerriglia della CIA (e di molto altro)

Ha ragione Renzi: è come l'orchestra che suona sul Titanic

Il naufragio dell'Unione europea

L'iceberg è all'orizzonte. La triplice crisi che attanaglia il Vecchio Continente - quella migratoria, quella economica, e quella che si consuma alle sue porte -, sembra non lasciargli scampo. C'è chi pensa che un'Europa a più velocità potrebbe essere il salvagente cui aggrapparsi. Ma la situazione pare decisamente compromessa.

Arriva il BEPS

L'arma segreta dell'Ocse contro l'evasione fiscale

Un piano d'azione tanto ambizioso quanto promettente per colpire duramente le multinazionali coinvolte in trafficici illeciti che dovrebbe concretizzarsi entro i prossimi diciotto-ventiquattro mesi

Dopo trasporto avvenuto durante la notte dei migranti da Ungheria

Immigrati, Austria: Europa, svegliati

Il capo della diplomazia austriaca ha auspicato che il dramma dei migranti bloccati in Ungheria e poi trasportati durante la notte nel suo Paese, faccia aprire gli occhi all'Europa

L'Est è reticente

Rifugiati, vertice di Lussemburgo, Europa ancora divisa

Il tema dell'emergenza rifugiati è stato sfiorato, ieri a Lussemburgo, nei colloqui a margine e nelle risposte dei ministri ai giornalisti, durante la prima giornata della riunione informale del Consiglio Esteri dell'Ue

La Commissione europea propone un piano in 10 punti

Ue: «Rafforziamo Triton»

La Commissione europea propone un piano in dieci punti immediati per evitare nuove stragi nel Mediterraneo. In primis, il rafforzamento della missione Triton, che dovrà puntare anche al «search and rescue». Intanto, l'Onu ammonisce: «Il Mediterraneo non può diventare un cimitero».

Il ministro dell'Interno da Lussemburgo

Alfano: «Basta chiacchiere, servono azioni contro i trafficanti»

Angelino Alfano, al suo arrivo al Consiglio Ue straordinario convocato oggi pomeriggio a Lussemburgo, in riunione congiunta col Consiglio Esteri, per discutere dell'emergenza migranti ha affermato che o l'Europa aiuta l'Italia nella lotta ai trafficanti di esseri umani nel Mediterraneo, oppure almeno autorizzi l'Italia ad agire da sola.

Oggi riunione Ministri degli Esteri e degli Interni sull'immigrazione

Malta denuncia: è in atto un genocidio di migranti

A poche ore dal vertice Ue a Lussemburgo, il premier maltese Joseph Muscat ha dichiarato che, per scongiurare nuove tragedie nel Mediterraneo, serve una coalizione internazionale contro il traffico di esseri umani, con un mandato Onu che consenta anche di lanciare attacchi contro quanti lucrano sulla pelle delle persone in fuga da guerre e fame. E ha parlato di vero e proprio genocidio.

Non passa la mozione di sfiducia

Ora Juncker è più forte

Con 461 voti contro 101 e 88 astensioni, la plenaria dell'Europarlamento ha bocciato oggi a Strasburgo la mozione di censura contro la Commissione europea, che era stata presentata dagli eurodeputati del gruppo euroscettico Efdd, su iniziativa degli eletti del M5s, e con il sostegno dell'estrema destra. Ma non è assegno in bianco, UE deve combattere elusione fiscale.

Scandalo Luxleaks

M5s: «Juncker sul banco degli imputati a Montecitorio»

Il M5s ha presentato un'interpellanza alla Camera, chiedendo le dimissioni del neo presidente della Commissione UE Jean Claude Juncker, per il suo torbido coinvolgimento nello scandalo LuxLeaks.

La Germania processa il Lussemburgo di Juncker

Schaeuble: «Pugno duro contro gli evasori»

Il Lussemburgo è al centro di una forte polemica che coinvolge anche l'ex premier e ora presidente della nuova Commissione europea Jean-Claude Juncker. Il ministr dell'Economia tedesco Schaeuble parla di «tempesta mediatica» che investe Lussemburgo. Dal canto suo il Lussemburgo rivendica la piena regolarità degli accordi fiscali.

I giornali smascherano le multinazionali

La stampa: abbiamo scoperto i furbetti del Lussemburgo

Un network giornalistico americano pubblica i documenti del Luxleaks, a proposito di un accordo segreto tra il Lussemburgo e trecento aziende in tutto il mondo. Coinvolte Finmeccanica, Intesa San Paolo, Unicredit, Amazon e Ikea. Un caso destinato a creare non poco imbarazzo a Juncker