16 settembre 2019
Aggiornato 12:00
Oggi riunione Ministri degli Esteri e degli Interni sull'immigrazione

Malta denuncia: è in atto un genocidio di migranti

A poche ore dal vertice Ue a Lussemburgo, il premier maltese Joseph Muscat ha dichiarato che, per scongiurare nuove tragedie nel Mediterraneo, serve una coalizione internazionale contro il traffico di esseri umani, con un mandato Onu che consenta anche di lanciare attacchi contro quanti lucrano sulla pelle delle persone in fuga da guerre e fame. E ha parlato di vero e proprio genocidio.

MALTA (askanews) - Per scongiurare nuove tragedie nel Mediterraneo serve una coalizione internazionale contro il traffico di esseri umani, con un mandato Onu che consenta anche di lanciare attacchi contro quanti lucrano sulla pelle delle persone in fuga da guerre e fame. E' quanto ha detto oggi il ministro degli Esteri maltese, George Vella, in un'intervista alla televisione di Malta rilasciata a Lussemburgo, dove oggi parteciperà al consiglio Affari esteri dell'Unione europea, quindi al vertice urgente congiunto con i ministri degli Interni per discutere della questione migrazione, dopo il naufragio avvenuto ieri che potrebbe aver causato centinaia di morti.

Muscat: serve una coalizione internazionale
Ieri, intervistato dalla Cnn, il premier maltese Joseph Muscat ha detto: «Bande di criminali stanno caricando le persone sulle imbarcazioni, alcune volte sotto la minaccia delle armi. Li mettono in cammino verso la morte, veramente, e niente altro. Questo è genocidio, niente di meno che genocidio».

Oggi alle 15 vertice a Lussemburgo
I ministri degli Esteri e degli Interni dell'Unione europea si incontreranno oggi pomeriggio a Lussemburgo, per una riunione d'emergenza dopo la tragedia avvenuta ieri nel Mediterraneo. Il vertice inizierà alle 15 subito dopo la riunione mensile dei ministri degli Esteri, ha indicato un portavoce del Consiglio europeo, che rappresenta i 28 stati membri dell'Ue.