21 settembre 2019
Aggiornato 17:30
Il ministro dell'Interno da Lussemburgo

Alfano: «Basta chiacchiere, servono azioni contro i trafficanti»

Angelino Alfano, al suo arrivo al Consiglio Ue straordinario convocato oggi pomeriggio a Lussemburgo, in riunione congiunta col Consiglio Esteri, per discutere dell'emergenza migranti ha affermato che o l'Europa aiuta l'Italia nella lotta ai trafficanti di esseri umani nel Mediterraneo, oppure almeno autorizzi l'Italia ad agire da sola.

LUSSEMBURGO (askanews) - O l'Europa aiuta l'Italia nella lotta ai trafficanti di esseri umani nel Mediterraneo, oppure almeno autorizzi l'Italia ad agire da sola. Lo ha detto il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, al suo arrivo al Consiglio Ue straordinario convocato oggi pomeriggio a Lussemburgo, in riunione congiunta col Consiglio Esteri, per discutere dell'emergenza migranti dopo l'ennesima strage di migranti.

Azioni mirate contro i trafficanti 
«L'Italia - ha detto il ministro - ha pagato da sola il conto, prima quello dell'azione della comunità internazionale (contro il regime di Gheddafi, ndr) e poi quello dell'inerzia della comunità internazionale. Adesso basta chiacchiere, adesso non c'è più nulla da dire; c'è solo da fare. Le nostre richieste - ha riferito - sono molto chiare: in primo luogo azioni mirate contro i trafficanti di esseri umani, che sono i veri nuovi schiavisti. Noi ne abbiamo arrestati 1.000, con i 24 di ieri. Cosa vuole fare l'Europa? Corre il rischio di dare l'impressione che non fa né lascia fare. Insomma - ha sottolineato - o loro aiutano in questa grande battaglia con azioni mirate contro gli scafisti, oppure autorizzino noi a procedere».

Pronti a tutto
A un giornalista che chiedeva a che tipo di azioni pensi, Alfano ha risposto: «Siamo pronti a ogni azione, con tutto quello che si è verificato e si sta verificando in queste ore. Perché mentre noi stiamo qui ci sono operazioni di soccorso nel Mediterraneo con centinaia di migranti che rischiano di morire», e questo a causa del «traffico di esseri umani da parte di criminali e assassini, la più grande tragica agenzia di viaggi del mondo che è all'opera giorno dopo giorno fregandosene delle parole dei leader dell'Europa e della comunità internazionale».

L'Europa stronchi il traffico di mifranti
Insomma, ha osservato il ministro, «o abbiamo la forza di fare un'azione che stronchi questi traffici, o nessun europeo chiederà più all'Europa di risolvere i problemi». La decisione sarà presa dai leader al Consiglio europeo straordinario di giovedì, ma comunque, ha continuato Alfano, «nel frattempo l'azione dell'Europa deve rafforzarsi anche nel Mediterraneo in modo tale che tutto il sostegno a Frontex venga ulteriormente rafforzato».

Triton azione più ampia di Mare nostrum
Il ministro, infine, a chi chiedeva se non sarebbe stato meglio continuare l'operazione Mare Nostrum, visto il numero di vittime in aumento nel Mediterraneo, ha risposto: «La chiusura dell'operazione Mare nostrum ha consentito di trasformare l'azione di Triton in un'operazione ancora più ampia, di livello internazionale ed europeo. Durante Mare Nostrum sono morte 3.500 persone. E' vero che abbiamo salvato oltre 100 mila vite, e ne siamo orgogliosi, ma purtroppo - ha concluso - non siamo riusciti a salvarle tutte, e saremmo bugiardi se lo dicessimo».