1 marzo 2024
Aggiornato 06:00
A gennaio la sentenza

Schettino rischia 20 anni

E' la convinzione di Procuratore e PM impegnati nel rush finale al Teatro Moderno di Grosseto. «Secondo noi l'ex comandante merita più di 20 anni, 22», ha precisato il Procuratore capo di Grosseto, Francesco Verusio. Schettino: «Una stupidata, colpa del mutismo in plancia».

Il naufragio della Costa Concordia

«Ferrarini mentì su morti e feriti»

Il capo dell'unità di crisi di Costa Crociere, la notte del naufragio della Concordia, secondo la Procura di Grosseto ebbe la colpa di «ridurre al minimo le conseguenze dell'incidente», e, fino all'ultimo, negò di essere a conoscenza di morti e feriti a bordo della nave

L'inchiesta della Procura di Grosseto

Costa Concordia, indagini concluse

Il numero degli indagati per il naufragio della Costa Concordia, avvenuto il 13 gennaio, davanti all'isola del Giglio, è sceso da undici a otto. «A tre degli indagati non abbiamo inviato la notifica di chiusura indagini, perché per loro chiederemo l'archiviazione», ha detto il procuratore capo di Grosseto, Francesco Verusio

Giustizia | Naufragio Costa Concordia

Schettino «mentiva» e Ferrarini lo sapeva

Ventidue minuti dopo l'urto con gli scogli del Giglio, Roberto Ferrarini, per Costa Crociere, era «a conoscenza che l'Autorità Marittima» non aveva ricevuto dal comandante della Concordia Francesco Schettino «le informazioni complete sulla reale situazione a bordo della nave»

Giustizia | Naufragio Costa Concordia

Schettino disse: Acqua piatta, gettare le lance

«E poi Dio ci pensi», aggiunge Schettino, che si riferisce all'inizio delle operazioni di evacuazione. L'acqua del mare è comunque «calma piatta», il comandante ritiene cioè che non ci siano problemi per far calare le scialuppe. Errore del timoniere, il Gip dice nuovamente no

Il Processo a Grossetto

Naufragio Giglio, l'ecoscandaglio era disattivato

Nelle due ore precedenti alla collisione con gli scogli dell'isola del Giglio, sulla nave Costa Concordia era disattivato il sistema di «ecoscandaglio», il sistema che permette di conoscere in tempo reale la profondità e le condizioni del fondale marino su cui si muovono le imbarcazioni

Il naufragio della Costa Concordia

Naufragio del Giglio, perizie pronte a settembre

Si è esaurita in una breve formalità la seconda udienza che porterà all'incidente probatorio sulla scatola nera della Costa Concordia. I periti del Gip stanno ancora esaminando i dati di navigazione e le registrazioni audio della plancia di comando della nave, naufragata davanti all'isola del Giglio lo scorso 13 gennaio. Secondo ufficiale: Schettino salvò Concordia

Il naufragio della Costa Concordia

PM Grosseto: Sconcertato dalle frasi di Schettino

C'è un'inchiesta, così complessa in corso, ci sono delle indagini, Schettino non dovrebbe andare in tv a ricostruire la vicenda, a modo suo oltre tutto. Il comandante a «Quinta Colonna»: Mi sento le vittime sulla coscienza. Iniziata la rimozione dello scoglio dalla nave

Il naufragio della Costa Concordia

Schettino disse alla Costa: «Ho fatto un guaio»

Così il comandante della nave Costa Concordia, Francesco Schettino, disse durante la prima telefonata a Costa Crociere subito dopo la collisione che ha poi portato al naufragio della nave nelle acque dell'Isola del Giglio. E la Costa replica: «Non ci ha detto la verità»

Il naufragio della Costa Concordia

Domnica: pronta a deporre dinanzi inquirenti

La ragazza moldava «intercettata» dall'Afp a casa della mamma. Gli inquirenti vogliono interrogare la ragazza, perchè ha dichiarato in un'intervita che si trovava con il comandante della Costa Concordia, Francesco Schettino, al momento dell'incidente

Il naufragio della Costa Concordia

«Schettino guardava la nave affondare»

E' l'immagine di Franscesco Schettino, il comandante della Costa Concordia naufragata all'Isola del Giglio, così come emerge dall'ordinanza del gip di Grosseto: «In balia, in completa inerzia, fermo sulla scogliera». Riprendono le ricerche, si aprono nuovi varchi