> <
RSS

Come arriva il Milan al big match con la Juve

Quello che una volta era l’incontro decisivo per le sorti dello scudetto oggi ha in palio solo il sesto posto. Ma le ambizioni delle due squadre erano tarate su ben altri traguardi. Ecco perché l’incontro di sabato allo Juventus Stadium può risultare decisivo: chi vince si rilancia, chi perde dice addio ai sogni di gloria.

Milan: Berlusconi, basta prese in giro

Il numero uno rossonero, apparso decisamente infastidito dalla prova incolore del suo Milan, pare aver esaurito la pazienza. Ancora una volta i rossoneri sono stati schiacciati dallo strapotere tattico degli avversari. Le assenze di Bertolacci e Bonaventura non possono certo giustificare un passo indietro così evidente.

Mihajlovic e Galliani alla prova del fuoco

Con una squadra rimaneggiata da infortuni e squalifiche e un centrocampo in evidente deficit di qualità, il Milan potrebbe dare una svolta definitiva alla stagione: in caso di vittoria, modulo e schemi del tecnico serbo avrebbero la meglio anche sul valore dei singoli. In caso contrario, Galliani dovrà di nuovo rispondere di un mercato poco appropriato.

Galliani, il mercato e la coperta corta

Prime piccole rivincite per Adriano Galliani: i nuovi acquisti sono finalmente decisivi, ma resta il problema di un mercato lacunoso. Dietro i presunti titolari c’è ben poco e contro l’Atalanta, con Bertolacci e Bonaventura fuori e Montolivo a rischio, Mihajlovic sarà costretto a schierare una linea mediana composta da Kucka, Poli e De Jong.

Reja ci crede: Il derby? Voglio undici leoni

«Con Lotito ottimo rapporto al di là di qualche problema» passato. Pensiamo alla Lazio, abbiamo un cammino importante da percorrere con grande entusiasmo e determinazione, lavoriamo il più possibile, perché questa squadra abbia un rendimento alto fino alla fine del campionato

Lazio spenta, è fuori dall'Europa

Biancazzurri battuti 1-0 dall'Atletico Madrid. Serviva un'impresa dopo la sconfitta per 3-1 nel match di andata all'Olimpico, ma la squadra di Reja, in formazione rimaneggiata, è sembrata fin dall'inizio poco convinta di potere ribaltare il risultato

Harakiri Cesena, la Lazio fa festa

All'Olimpico succede di tutto: il Cesena si porta sul 2-0 e gioca in superiorità numerica per quasi un'ora (espulso Konko) ma nella ripresa sparisce dal campo e subisce l'incredibile rimonta dei padroni di casa, che colgono tre punti insperati e pesantissimi

> <