19 gennaio 2020
Aggiornato 16:00
Calcio

Udinese e Verona, panchine a rischio: un ex rossonero in preallarme

Amaro derby del Triveneto per Delneri e Pecchia, entrambi contestati dalle tifoserie ed entrambi vicini all’esonero. I nomi dei possibili rimpiazzi sono già al vaglio delle dirigenze

Fabio Pecchia, secondo anno sulla panchina del Verona
Fabio Pecchia, secondo anno sulla panchina del Verona ANSA

UDINE\VERONA - Tempi duri per il nord est italiano: a Udine e a Verona non sorride nessuno, calcisticamente parlando: l’Udinese è precipitata in classifica, occupa il 14.mo posto in serie A con appena 12 punti conquistati ed un rendimento altalenante, culminato con la sconfitta casalinga di domenica contro il Cagliari e pesantemente fischiato dal pubblico dello stadio Friuli. Ancora peggio sta l’Hellas Verona, penultimo con 6 punti racimolati e reduce dal 2-3 del Bentegodi col Bologna, quinta sconfitta consecutiva per la truppa di Fabio Pecchia, fortemente contestato dallo stadio veronese sia all’annuncio delle formazioni che a fine partita.

Cambi in vista

Tanto Delneri a Udine, quanto il citato Pecchia a Verona rischiano la panchina e rischiano tanto, probabilmente mai come in questo momento. L’allenatore friulano sembra avere le ore contate e la dirigenza bianconera già nella giornata di oggi potrebbe sancire l’esonero dell’ex tecnico di Roma e Juventus, affidando la guida tecnica a Massimo Oddo, già preallarmato da un paio di settimane ed ora davvero vicinissimo alla panchina udinese. A forte rischio c’è ora anche Fabio Pecchia che il Verona ha sempre difeso e protetto, ma che ora pare aver terminato bonus e giustificazioni; con la città e la tifoseria, poi, non è mai sbocciato l’amore, nemmeno durante la trionfale cavalcata in serie B dell’anno scorso e questo non aiuta a compattare società, squadra ed ambiente nella rincorsa alla salvezza. Il club veronese riflette, il presidente Setti si prenderà uno, massimo due giorni per decidere, ma la sensazione è che l’allenatore campano sia vicino al capolinea della sua avventura gialloblu e potrebbe non avere la prova d’appello di domenica a Reggio Emilia contro il Sassuolo. Iachini, Reja e Colantuono le possibili alternative ad un Pecchia mai così lontano da Verona come in questo momento. Due città vicine geograficamente ed oggi anche calcisticamente, due destini simili per due allenatori ad un passo dal licenziamento.