Milan, buone notizie dalla Cina

La Safe, organo governativo di controllo sui flussi di valuta, ha dichiarato positivi i risultati sul giro di vite in materia di esportazione di capitali cinesi all’estero. Questo potrebbe voler dire allentare la morsa nei prossimi mesi e quindi consentire a Li Yonghong di realizzare il suo progetto di coinvolgimento di grosse aziende come Huarong.

Milan, si torna a parlare di Huarong

Torna alla ribalta China Huarong Asset Management Corporation, una delle 4 maggiori società di gestione di attività finanziarie della Cina. Secondo le ultime indiscrezioni, sarà il colosso di Pechino - e non Rothschild - a firmare la documentazione necessaria ai controlli sulla trasparenza dei nuovi proprietari.

Milan, l’ultimo sgarbo di Berlusconi

Appare sempre più chiara la decisione di Silvio Berlusconi di non accettare la carica di presidente onorario del Milan. Alla base ragioni di cuore, ma sotto sotto si fa strada l’ipotesi di non voler essere a bordo nel caso la barca di Yonghong Li dovesse affondare. Malgrado tutte le rassicurazioni offerte ai tifosi rossoneri.

Vulpis: «0% che Berlusconi venda ai cinesi»

In esclusiva per il Diario Rossonero l’analisi del direttore di SportEconomy sui possibili sviluppi della trattativa tra Fininvest e Sino-Europe Sports: «Sono convinto che almeno nel primo anno Berlusconi terrà per sè i 200 milioni e continuerà a gestire il Milan. Se la squadra dovesse rimanere ancora fuori dalla Champions, le cose potrebbero cambiare».

Closing: la settimana delle risposte definitive

Non sono più ammessi ritardi né dilazioni nella trattativa più scombinata della storia del calcio. Nel giro di pochi giorni sono attese risposte definitive, o da Sino-Europe Sports (versamento terza caparra o addirittura di tutta la cifra) oppure da Silvio Berlusconi (chiusura delle trattative e ricerca di nuovi possibili acquirenti. O magari da un terzo incomodo...tipo Renzo Rosso.

Rinnovo Bonaventura: i cinesi dicono si

Primo accordo tra Galliani e Fassone per la costruzione del nuovo Milan: il consorzio Sino-Europe Sports approva il prolungamento, con annesso adeguamento di contratto, per Jack Bonaventura. Discorso diverso per Paletta, non considerato al momento una priorità dalla futura proprietà cinese.

Mille miliardi per il nuovo Milan cinese

Malgrado il gran lavoro di Yonghong Li nel mantenere il riserbo sui nomi delle aziende che potrebbero far parte di Sino-Europe Sports, iniziano ad emergere indiscrezioni significative e una lista di 9 possibili soci da quasi 1000 miliardi di euro. Tra questi anche una società specializzata nella costruzione di nuovi stadi.

Il mistero buffo della cessione del Milan

Ufficiale l’ennesima proroga e il conseguente slittamento del closing al 3 marzo 2017. Sino-Europe Sports verserà altri 100 milioni a Fininvest come ulteriore caparra ma il mercato di gennaio sarà ancora una volta “condiviso” e soprattutto a costo zero. È arrivato il momento che qualcuno faccia chiarezza.