25 giugno 2017
Aggiornato 12:30
> <
RSS

L'indipendenza catalana non è più una chimera politica

Il voto regionale ha dato agli indipendentisti di Junts pel Sì - coalizione trasversale fra i conservatori di Convergencia di Artur Mas e la sinistra di Erc - la maggioranza relativa dei seggi in Parlamento, maggioranza assoluta se si sommano i deputati dell'altro movimento favorevole alla secessione, la Cup. Insieme contano infatti 72 seggi su 135.

Venti di indipendenza nel Belpaese

Ieri la Catalogna, due mesi fa la Scozia. L'Europa è attraversata da un forte vento di indipententismo, da cui l'Italia non sembra essere immune. Le regioni del Nord, in particolare il Veneto, sembrano essere quelle più accese dal sentimento di indipendenza. Anche le isole, però, manifestano un importante segnale di turbamento.

Felipe VI, la Terza Repubblica e la crisi catalana

L'abdicazione di re Juan Carlos apre per la Spagna una nuova tappa densa di incognite, la più delicata politicamente dalla transizione della fine degli anni '70. Il nuovo re, Felipe VI di Borbone, ha davanti a sé tre ordini di problemi, in parte collegati fra loro e molto pericolosi per la stabilità e l'integrità dello Stato di cui è a capo

Catalogna, crescono gli indipendentisti

Gli elettori hanno confermato come prima forza politica Convergencia i Uniò (CiU) con 50 seggi: i nazionalisti moderati del «Governatore» catalano Artur Mas hanno però subito un forte calo rispetto alla legislatura precedente, quando ne avevano 62, e restano lontani dalla maggioranza assoluta di 68

Exit polls: CiU cala, ma indipendentisti aumentano

Le elezioni anticipate, indette dal «governatore» regionale Artur Mas dopo un'oceanica manifestazione per l'indipendenza che lo scorso 11 settembre ha visto un milione e mezzo di catalani sfilare nelle strade di Barcellona, sono state marcate da un forte dibattito sull'opzione per indipendenza dalla Spagna

Catalogna al voto

Più di cinque milioni di catalani sono chiamati oggi alle urne per rinnovare il loro parlamento regionale nelle elezioni più importanti della storia di questa comunità autonoma dalla caduta del franchismo. I catalani vogliono un referendum per l'indipendenza, ma Madrid dice che è illegale

Barcellona in marcia per l'indipendenza dalla Catalogna

Sono un milione e mezzo i manifestanti che, secondo la polizia, hanno inondato oggi Barcellona per reclamare l'indipendenza della Catalogna, accusando il governo centrale di trascinare la regione, motore economico della Spagna, nella spirale della crisi. La folla, che ha superato tutte le previsioni della vigilia, ha sfilato sotto lo slogan di «Catalogna, un nuovo stato d'Europa»

> <