> <
RSS

Caldoro al Governo: «Tagli dolorosissimi»

Il vice presidente della Conferenza delle Regioni e governatore della Campania, Stefano Caldoro, conferma la volontà di collaborazione con il governo ma sottolinea, al contempo, la necessità di risolvere problemi legati ai tagli nel settore della sanità e quelli delle risorse per il personale delle Province.

Caldoro: l'Ue sanzioni Roma per l'Irap alle imprese

Il governatore della Campania, Stefano Caldoro, pubblica un post su Facebook in cui denuncia la tassazione Irap alle imprese e auspica che l'Unione europea intervenga con delle sanzioni al Governo Renzi. Caldoro si dice convinto che la mossa vincente sarebbe intervenire con una logica di macro area per sostenere processi di crescita: «Crea confusione il dibattito sulle risorse da ridurre».

«Renzi ci spinge verso il dissesto»

Sulla Legge di Stabilità è in corso un vibrante e acceso dibattito. Ecco le voci di chi è contrario alla manovra renziana: Stefano Caldoro, presidente della Campania e vice presidente della Conferenza delle Regioni, Piero Fassino, presidente dell'ANCI e Matteo Richetti del Partito Democratico. Caldoro accusa Renzi di fare bella figura con gli 80 euro, ma di farli pagare agli enti locali.

La Campania investe sulle rinnovabili

La Giunta regionale guidata da Stefano Caldoro ha incrementato di ulteriori 43 milioni e 400mila le risorse per i Comuni e le loro forme associative per gli interventi finalizzati alla creazione di impianti per la produzione di energia rinnovabile. 15 milioni anche dalla Regione Toscana

Caldoro: Nicola Cosentino non aveva tutti questi voti

«Non temo che lui sia fuori, perché non aveva tutti quei voti. Nessuno può dire di essere una macchina elettorale. Oggi è l'opinione pubblica che ti giudica in base alla credibilità». Lo afferma il governatore campano, in un'intervista al Corriere della sera, commenta le affermazioni di Nicola Cosentino, fuori dalle liste Pdl

Caldoro: Cosentino non è un mostro

Il Presidente della Regione Campania: «Sul caso Cosentino ho sempre espresso una posizione non ambigua, chiara, posta a lui direttamente e pubblicamente, mai dietro le spalle. E' per questi motivi che ho ritenuto opportuno in questi giorni non occuparmi della questione delle liste»

> <