25 giugno 2024
Aggiornato 16:30
«Se vinciamo a Milano, è un avviso di sfratto per Renzi»

La rimonta di Salvini contro Renzi comincia da Milano

Mentre a Roma volano i coltelli, a Milano il centrodestra si compatta intorno a Stefano Parisi, circondato dai big Mariastella Gelmini, Maurizio Lupi e Matteo Salvini. Che promette che la riconquista del capoluogo meneghino sarà l'inizio della fine per Matteo Renzi.

Il sostegno a Parisi e (forse) Marchini la testimoniano

La svolta «moderata» di Salvini: prove di Realpolitik

Già all'indomani della manifestazione di Bologna, gli analisti parlavano di un «cambio di strategia» per rendere la Lega un possibile partito di governo. E la linea tenuta da Salvini in vista delle amministrative, con il sostegno al moderato Parisi e le simpatie per Marchini, dimostrano che la svolta c'è stata.

Salvini: «Basta balletti, facciamo le primarie»

Il centrodestra a Milano prende il volo con Parisi. Ma a Roma rischia lo sfacelo

La buona notizia è che Stefano Parisi sfiderà Beppe Sala a Milano. La cattiva notizia è che, sulla Capitale, i «balletti» (come li ha chiamati Salvini) continuano. L'ultimo scivolone è stato il nome di Rita Dalla Chiesa, bruciato nel giro di qualche ora. Ma la verità è che sulla scelta del candidato romano nel centrodestra regna il caos

A Milano il cerchio si chiude su Parisi?

Il Pd ha Sala. E ora tocca al Centrodestra

Polemiche sul voto cinese a parte, le primarie del centrosinistra hanno incoronato Beppe Sala come candidato a Palazzo Marino. E ora che il Pd gioca a carte scoperte, tocca al Centrodestra. Che potrebbe a breve schierare il proprio asso nella manica: Parisi

Ma le riserve non sono ancora state sciolte

Con Parisi il centrodestra sfida Renzi (e Sala) a Milano

Se Renzi pensa di poter conquistare Milano schierando l'ex city manager Beppe Sala, il centrodestra avrebbe pronto il nome perfetto: l'anti-Sala sarebbe Stefano Parisi, a sua volta un passato da city manager, un curriculum invidiabile e la capacità di mettere tutti d'accordo. E per avere un suo sì o un suo no sarebbe questione di giorni.

Al Family Day il lieto annuncio di Giorgia Meloni

La cicogna che spariglia le carte nel Centrodestra

Da un Circo Massimo gremito di sostenitori della famiglia tradizionale, Giorgia Meloni ha annunciato di aspettare un bambino. Ma il lieto evento apre un nuovo interrogativo nelle complicate trattative in corso nel cantiere Centrodestra: come superare l'impasse Capitale?

Cantiere Centrodestra

La difficile ricerca di un leader

Oltre alle amministrative, il «cantiere centrodestra» sta lavorando a un altro obiettivo, più a lungo termine ma essenziale: trovare il leader. In vista dell'appuntamento più importante di tutti: quello che offrirà l'occasione di sconfiggere Renzi.