> <
RSS

L'Europa ci uccide l'olio italiano

Dopo mesi di discussioni, il provvedimento è passato: l'Ue ha approvato l'importazione senza dazi di 70.000 tonnellate in più, in due anni, di olio d'oliva tunisino come misura di supporto al Paese. Peccato che questo vada a ledere Stati membri come l'Italia, secondo produttore mondiale. E a che serve l'Ue, se non tutela i nostri interessi?

Coldiretti: «Diciamo "no" alla strage degli ulivi»

"Non è possibile accettare passivamente la strage degli ulivi sani proposta dalla Commissione Europea dalla quale si attendono peraltro ancora misure concrete di sostegno agli agricoltori colpiti da una calamità di cui i veri responsabili sono i mancati controlli alle frontiere dell'Unione": è quanto afferma il presidente della Coldiretti, Roberto Moncalvo.

Il Piano Siletti è pericoloso per la Puglia

Il controverso piano per combattere la «Xylella fastidiosa», il batterio accusato di essere la causa della malattia del disseccamento rapido che ha colpito molti uliveti nel Salento, prevede, oltre all'estirpazione di migliaia di ulivi, spesso plurisecolari, l'uso «su larga scala» di pesticidi. Ma sono pericolosi per l'uomo e per l'ambiente.

Nel 2015 dovremo razionare l'olio d'oliva

Olio di oliva Made in Italy razionato con le scorte di extravergine che saranno esaurite entro i primi sei mesi del 2015, per effetto del crollo dei raccolti. A lanciare l'allarme è la Coldiretti che in occasione dell'Assemblea ha presentato un dossier su come cambieranno le tavole degli italiani nel nuovo anno con effetti sulle tasche e sulla salute.

Olio, in vigore tappo anti-rabbocco

Lo rende noto la Coldiretti precisando che «si tratta di una misura di trasparenza per evitare che le vecchie oliere in bar, mense, ristoranti e pizzerie vengano riempite o allungate con prodotti stranieri spacciati per italiani». Moncalvo: «Task force garantisca l'applicazione della legge».

L'olio italiano diventa cinese

Con la vendita della maggioranza del Gruppo oleario toscano Salov, proprietario dei marchi Sagra e Filippo Berio, supera i 10 miliardi il valore dei marchi storici dell'agroalimentare italiano passati in mani straniere dall'inizio della crisi, che ha favorito una escalation nelle operazioni di acquisizione del Made in Italy a tavola.

Vinitaly 2015, edizione speciale

Il prossimo anno la sinergia tra Vinitaly e i saloni Sol&Agrifood ed Enolitech, in programma dal 22 al 25 marzo 2015, sarà ancora più stretta, per offrire ai professionisti del vino in arrivo da 120 Paesi una panoramica completa della produzione italiana, fatta di vini di qualità, tradizione alimentare e tecnologie innovative.

> <