26 maggio 2020
Aggiornato 04:00
La rosa degli oli

Confagricoltura al SOL: Venti e olio

Quest’anno, al Sol di Verona, Confagricoltura si presenta con cinque curiose degustazioni di oli extravergine di oliva in abbinamento con i venti (dal 25 al 27 marzo, padiglione C stand 8)

VERONA - Quest’anno, al Sol di Verona, Confagricoltura si presenta con cinque curiose degustazioni di oli extravergine di oliva in abbinamento con i venti (dal 25 al 27 marzo, padiglione C stand 8).

Oli e venti si assomigliano? I profumi di una leggera brezza d’estate o di un forte libeccio possono essere paragonati a quelli degli oli? Sembra proprio di si, a parere di Alissa Mattei, assaggiatore capo panel, che guiderà le degustazioni.
«L’olio extra vergine - spiega l’esperta - è un prodotto naturale e come tale tutte le sue variegate caratteristiche sono legate ai grandi elementi della natura: il suolo, la pioggia, il sole, il vento.»
L’idea della natura, che permea tutti i suoi esseri, ha spinto Confagricoltura verso questo inedito abbinamento degli oli con i venti, con quattro degustazioni dedicate rispettivamente allo Zefiro, al Maestrale, al Libeccio ed al Levante e un incontro specifico sulla rosa dei venti, in cui vengono messe a confronto le diverse tipologie di olio.

Lo Zefiro è un vento delicato, è la brezza estiva che ti accarezza il volto e ti fa sognare. Come gli oli freschi, mandorlati, con note di pomodoro ed erbe selvatiche. Perfetti per essere abbinati a piatti di pesce, crostacei, insalate e carni bianche.

E quali oli assomigliano al Maestrale, il vento che viene da nord est, dalle mille sfumature, a volte teso, a volte leggero? Quelli in cui all’olfatto domina la nota della la foglia e al gusto quella del carciofo e della mandorla. Morbidi, puliti, eclettici e profumati sono l’ideale con verdure grigliate, paste, carni suine, pesce azzurro e molluschi.

La forza del Libeccio, vento unico e invadente, che arriva da sud ovest si ritrova nei profumi di oliva matura e nel gusto accentuato di mandorla degli oli intensi, amari e piccanti, che ben si adattano alle carni rosse, alla cacciagione, a zuppe di verdure e legumi.
Infine il Levante, il vento che viene dall’est, tipicamente estivo, dolce e deciso, come il carattere delle donne - che saranno le interpreti della degustazione, con una rappresentanza dell’Associazione delle Donne dell’olio - simile agli oli erbosi e profumati, dolci, con un leggero piccante. Perfetti con piatti di verdure, carni bollite e maionese.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal