22 maggio 2019
Aggiornato 11:30
ambiente

Metanodotto Trieste-Grado-Villesse, M5S: «La Regione dica come vuole agire»

Dopo un iter durato ben nove anni, è spuntato pochi giorni fa il parere di compatibilità ambientale del progetto "Metanodotto Trieste-Grado-Villesse", strettamente collegato a quello del rigassificatore di Zaule. I consiglieri del M5S Ilaria Dal Zovo e Ussai: «Chiediamo anche che chi amministra il Fvg faccia sentire la propria voce a livello governativo»

ambiente

Vito: «No alla realizzare un metanodotto tra Trieste-Grado e Villesse»

L'assessore regionale all'Ambiente ed energia: «Il ministro Calenda nella sua ultima comunicazione alla presidente Serracchiani ha reso noto di essere a conoscenza che nel Piano energetico regionale il Fvg intende ribadire la volontà di non autorizzare sul proprio territorio il rigassificatore di Zaule»

La decisione

Rigassificatore: Serracchiani chiude a ogni ipotesi progettuale

La governatrice ha assicurato al ministro Calende che "la Regione formalizzerà la propria contrarietà al progetto tramite l'espressione di una Intesa negativa nella Conferenza dei servizi al ministero dello Sviluppo economico"

Le vie del gas

Snam in Tap? «Novità a dicembre»

L'amministratore delegato Carlo Malacarne ha annunciato che entro fine anno sapremo se la sua società entrerà o meno a far parte del consorzio per la costruzione del gasdotto Trans adriatic pipeline

Parola dell'assessora all'Industria, Maria Grazia Piras

Nessun tubo per la Sardegna: il metano arriverà via nave

Niente gasdotti, la metanizzazione dell'isola sarà affidata a rigassificatori e centrali di stoccaggio dislocate lungo la costa. Nei primi di giugno la giunta guidata da Francesco Pigliaru varerà il piano energetico-ambientale regionale dove è scomparsa l'ipotesi di collegare la Regione autonoma alla rete nazionale, grazie a un tubo sottomarino che sarebbe dovuto correre da Piombino a Olbia

Vallascas (M5s): «Urgente un quadro normativo»

Gnl: un anno fa iniziati i lavori per il Piano strategico nazionale, ma tutto tace

Ad aprile 2014 si è tenuta la prima riunione del gruppo di coordinamento nazionale Gas naturale liquido che ha iniziato l'attività propedeutica alla predisposizione della strategia sull'utilizzo del metano liquefatto in Italia. Per l'inizio del 2015 sarebbe dovuto essere presentato un disegno di legge in materia. Il Mise però ha smesso di fornire informazioni a riguardo

Intanto continuano i ricorsi al Tar sul progetto di Zaule

La Croazia costruirà un rigassificatore a Krk

A metà 2016 partiranno i lavori per la realizzazione di un impianto per trattare il Gnl, sull'isola croata nell'Adriatico settentrionale. Il cantiere dovrebbe terminare nel 2019, anno in cui è prevista la piena operatività del terminal. Secondo i media locali servirà principalmente agli Usa per esportare il proprio gas liquido, così da scalzare il primato russo.

Oggi lo propone Renzi, ma l'idea risale al secondo governo Prodi del 2006

Italia hub del gas? Lo stato dei rigassificatori attivi e autorizzati

3 gli impianti funzionanti, ma per quello di Livorno è dovuto intervenire lo Stato e inserirlo fra le opere di interesse strategico per ripagarne i costi. Dei 5 progetti approvati, 4 aspettano finanziamenti e 1, quello di Zaule, ha fatto irritare i vicini sloveni.

Con noi anche la Spagna interessata alla rigassificazione e allo stoccaggio di Gnl

L'Italia punta ad essere un hub mediterraneo per il gas africano

Ieri Bruxelles ha ospitato la prima giornata del Consiglio europeo, durante la quale si è parlato anche del piano della Commissione europea per l'Unione dell'Energia. Il premier, Matteo Renzi ha insistito sulla centralità del Mare Nostrum in rapporto con le risorse energetiche del Continente nero.

Serracchiani: «Contrarie tutte le istituzioni locali»

Rigassificatore di Zaule, la Slovenia vuole vederci chiaro

Il ministero dell'Ambiente sloveno ha diffuso un comunicato in cui ha spiegato che Lubiana ha chiesto a Roma «informazioni e spiegazioni ufficiali» sulla costruzione del terminale per il gas liquido naturale (Gnl) a Trieste.

Un progetto della spagnola Gas Natural Fenosa da 500 milioni

A Trieste si torna a parlare del rigassificatore

Il ministero dell’Ambiente ha comunicato di aver ritirato la sospensione al piano di Valutazione impatto ambientale (Via) perché non sussistono aspetti di incompatibilità ambientale fra l'impianto e il nuovo piano regolatore portuale cittadino. Ora deicderà il ministero dello Sviluppo. Contrari Comune, Regione e porto.

Galan: «Anticipano il futuro di Venezia»

All’arsenale le bricole del rigassificatore

Sono quattro “torri”, abbinate due a due a formare strutture d’ormeggio dove le grandi navi possono attraccare in sicurezza anche in condizioni critiche

L’impianto garantirà la copertura del 10% del fabbisogno italiano di gas

Edison: comincia il viaggio del rigassificatore di Rovigo

Grazie al contratto di 25 anni con il Qatar Edison si assicura 6,4 miliardi di metri cubi di gas all’anno, pari all’80% della capacità di rigassificazione dell’impianto