15 aprile 2021
Aggiornato 09:30
Energia: rigassificatore a Porto Viro

Galan: «Le accise al Veneto coerente anticipo del federalismo fiscale»

«I nostri esperti hanno stimato che l’introito relativo alle accise che ogni anno verrà messo a sistema dal Rigassificatore, potrebbe essere valutato tra i 350 e i 500 milioni di euro»

Il Presidente della Regione del Veneto Giancarlo Galan, intervenendo oggi a Porto Viro (Rovigo) alla cerimonia per l’arrivo del Rigassificatore della Adriatic Lng, ha chiesto al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi «di valutare se siamo nelle condizioni di far sì che lo Stato attribuisca al Veneto il gettito aggiuntivo per accise ed Iva derivante dai quantitativi di gas commercializzati grazie all’impianto installato in alto Adriatico».

«I nostri esperti – ha detto Galan – hanno stimato che l’introito relativo alle accise che ogni anno verrà messo a sistema dal Rigassificatore, potrebbe essere valutato tra i 350 e i 500 milioni di euro. Si è molto parlato nei giorni scorsi – ha aggiunto – delle accise sugli idrocarburi richieste dalla Regione Sicilia. Noi siamo una Regione a Statuto ordinario, che però contribuisce da molti decenni alla soluzione dei problemi energetici cui deve far fronte l’Italia. Il Veneto ha voluto e quindi ottenuto il Rigassificatore, ed è questa verità che mi spinge a chiedere qualcosa per il Veneto».

Galan ha anche sottolineato che «si tratterebbe di un coerente anticipo di federalismo fiscale, che ritengo la più grande riforma che il nostro Stato sta per conoscere dalla fondazione della Repubblica. Inoltre – ha concluso – un simile beneficio federalista spingerebbe altre Regioni italiane a superare incertezze ed opposizioni a tutto quanto può garantire l’ammodernamento infrastrutturale e l’autonomia energetica dell’Italia».