> <
RSS

Berlino non ha più scuse

L'avvocato generale presso la Corte di giustizia europea, Cruz Villalon, ha definito «compatibile» con lo statuto della Bce il passato programma Omt sugli acquisti di emergenza di titoli di Stato. Un duro colpo alle posizioni del governo tedesco, da sempre contrario al piano di quantitative easing (che comprenda anche emissioni pubbliche) che Draghi vorrebbe avviare al più presto

BCE, si avvicina il quantitative easing

Nell'Eurozona, dove dominano politiche restrittive di bilancio inchiodate sul limite del 3% nel rapporto deficit/Pil, l'allentamento quantitativo poggia, al momento, su una sola gamba, quella dell'offerta, con il rischio di trasformarsi, in assenza di politiche a sostegno della domanda, in un'anatra zoppa.

«Le contraddizioni interne all'Europa rischiano di esplodere»

Lo ha affermato il presidente dell'ABI, Antonio Patuelli, secondo cui «dal 4 novembre stiamo vivendo una fase nuova: il passo in avanti realizzato con l'unione bancaria pone interrogativi molto stringenti. La moneta unica, l'unione doganale e la vigilanza bancaria unica da sole sono zoppe e, se rimangono così ancora a lungo, le contraddizioni esploderanno».

«Banche a caccia di imprese sane»

Lo ha assicurato il presidente dell'Abi, Antonio Patuelli, secondo cui c'è «una grande determinazione per la ripresa e, in queste settimane, le banche si stanno facendo una formidabile concorrenza per chiedere alle imprese sane se hanno bisogno di finanziamenti».

Non si ferma l'impennata dei mutui immobiliari

Nei primi dieci mesi del 2014, afferma l'Abi, i prestiti bancari alle famiglie per comprare casa sono aumentati del 30,5% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. L'ammontare erogato a gennaio-ottobre è salito a quota 20,2 miliardi, superando il valore raggiunto nell'intero 2013 (pari a 19,1 miliardi).

«Se qualche governo pensa di prendere i soldi dalle banche dimostra una scarsissima cultura economica»

Il presidente dell'ABI Patuelli, sull'ipotesi di coprire la seconda rata Imu con imposte a istituti di credito e assicurazioni: «Il ragionamento di andare a prender i soldi da noi, perché lì ci sono, come se li fabbricassimo in maniera ottocentesca è sbagliato». Su chi critica i bancari: «Tante volte si parla male di noi perché si appartiene a Nerolandia»

> <