24 gennaio 2020
Aggiornato 06:30
Sciopero generale

Cortei e manifestazioni in 54 città per dire no al Jobs act

L'Italia del lavoro si è fermata e ha mandato un messaggio chiaro al premier Matteo Renzi. «Blocchiamo il Paese per farlo ripartire, faremo una nuova Resistenza», ha tuonato il segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo. «Una grande risposta dei lavoratori contro le politiche dell'esecutivo», ha detto il numero uno della Fiom, Maurizio Landini.

Il ministro dell'Economia incalza sull'agenda delle riforme

Padoan: «Piano Juncker buono, ma serve clima diverso»

il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, commenta il piano proposto dal neo presidente della Commissione Ue, Jean Claude Juncker. Per Padoan si tratterebbe di un piano opportuno se viene inserito in un contesto in cui «l'economia europea fatica a riprendere una crescita sostenuta».

MODA HI-TEC

Dall'Australia arriva il reggiseno bionico

Si regola da solo seguendo i movimenti del nostro corpo. Il reggiseno smart ideato da alcuni ingegneri australiani. Non ci resta che aspettare di indossarlo

Sciopero generale

Landini: «Evasione fiscale e corruzione problema fondamentale del nostro Paese»

«L'obiettivo di questo sciopero è cambiare le politiche del governo e mettere al centro la difesa e la creazione di nuovi posti di lavoro. Questo per noi si fa facendo ripartire davvero gli investimenti pubblici e privati e non riducendo i diritti del lavoro, cancellando lo Statuto e rendendo più facili i licenziamenti» ha detto il segretario della Fiom da Roma

Economia & Impresa

Sulle startup pesano fisco e burocrazia

Una startup su tre chiude dopo meno di quattro anni. E' quanto emerge da una ricerca condotta dalla Confederazione libere associazioni artigiane italiane (Claai) su dati della Camera di Commercio di Monza e Brianza. Il 31,3% delle attività imprenditoriali cessate in Italia nel 2014, sottolinea la Claai, era nata dopo il 2009.

Politica monetaria

BCE, si avvicina il quantitative easing

Nell'Eurozona, dove dominano politiche restrittive di bilancio inchiodate sul limite del 3% nel rapporto deficit/Pil, l'allentamento quantitativo poggia, al momento, su una sola gamba, quella dell'offerta, con il rischio di trasformarsi, in assenza di politiche a sostegno della domanda, in un'anatra zoppa.

MODA

Masala, il cuore e l'energia degli accessori

Abiti, accessori e gioielli. Oggetti, unici tutti con una storia ed un'emozione. Entriamo nel cpaese delle merviglie di Rita Mancini

Nel giorno dello sciopero generale

Polverini: Giù le mani dai diritti dei lavoratori

Alte adesioni, cortei e manifestazioni in 54 città per dire no al Jobs act, giudicato «vacuo dalla deputata» Fi Renata Polverini e anacronistico dalla leader della Cgil Susanna Camusso. Sulla stessa linea il segretario generale della Uil Barbagallo, che si è detto pronto a «bloccare il Paese per farlo ripartire»

Nonostante lo sciopero e i cortei

Sacconi: Rispettiamo chi sciopera, ma sul Jobs Act andremo fino in fondo

Secondo Maurizio Sacconi, capogruppo al Senato del Nuovo centrodestra, ogni cambiamento avviene con tensioni e conflitti, e in tale tendenza deve inquadrarsi il malcontento manifestato con lo sciopero di oggi. E sul Jobs Act è per la linea dura: «Andremo fino in fondo»

Multa di 42.800.000 euro per l'Italia

Dall'UE, stangata all'Italia per i rifiuti

La Corte di Giustizia europea ci ha assegnato una multa di ben 42.800.000 euro per non aver dato seguito alla sentenza del 2007 sulla gestione dei rifiuti. Scarti pericolosi, discariche non a norma, lentezza nell'applicazione delle direttive: la deputata di Forza Italia Elvira Savino ha spronato il Governo ad intervenire con urgenza

Formula 1

Non ci sarà un Gp del Qatar

Ecclestone, l'ottantaquattrenne padrone del circus, rivela: «Bahrain e Abu Dhabi non hanno trovato l'accordo».