16 ottobre 2019
Aggiornato 02:30
Incontro tra Patuelli e De Albertis

Abi e Ance sostengono il governo: «Positivo il taglio delle tasse sulla casa»

Secondo le due associazioni è necessario introdurre incentivi legati all'efficienza energetica

ROMA  - Si sono incontrati oggi il presidente dell'Abi, Antonio Patuelli, e il presidente dell'Ance, Claudio De Albertis, in «un clima di assoluta cordialità e sintonia». Si è registrata piena condivisione sulla visione del settore edilizio quale fattore fondamentale della ripresa economica e sociale del Paese e sul ruolo fondamentale che il mondo bancario svolge anche in questo ambito.

Abi e Ance sostengono il governo
A tal proposito, le due associazioni sostengono - si legge in un comunicato - l'azione annunciata del Governo per la riduzione della tassazione immobiliare, e ritengono opportuna l'introduzione di specifici incentivi all'acquisto di immobili ad elevata efficienza energetica (classe A e B) volti alla qualificazione del patrimonio abitativo del Paese. Abi e Ance hanno concordato sull'esigenza di individuare nuove forme di operatività tra banche e imprese edilizie, al fine di creare ulteriori condizioni per agevolare il superamento delle criticità che ancora interessano questo importante settore economico italiano e sostenere i primi segnali di inversione di tendenza del mercato immobiliare.

Un accordo per sostenere la ripresa dell'economia italiana
In questa linea è stata affermata la volontà di sottoscrivere un accordo, ad integrazione del Protocollo d'intesa sul credito 2015, per favorire le imprese di costruzioni che oggi, causa il dilatarsi dei tempi di vendita dei loro prodotti, non riescono talvolta ad adempiere puntualmente al rimborso dei finanziamenti concessi loro dalle banche. I recenti positivi dati sull'andamento dei finanziamenti per l'acquisto delle abitazioni da parte delle famiglie italiane (+82% l'aumento delle nuove erogazioni nei primi sette mesi del 2015) sono un importante segnale dell'impegno di tutti gli operatori a sostenere la ripresa dell'economia italiana. (Fonte askanews)