21 settembre 2020
Aggiornato 02:00
I direttori del personale pronti ad applicarle

«Chiarire meglio le norme sul welfare aziendale»

Paolo Citterio, presidente del Gruppo Intersettoriale dei Direttori del Personale (Gidp): «Il welfare aziendale consente di coinvolgere il personale perchè dà benefici e ritorni anche per i figlioli e i genitori».

Andrea Guerra dice «No» agli ex re dell'acciaio

I Riva non sono più i padroni dell'Ilva: lo ha deciso l'ex di Luxottica

La lettera dei Riva è stata respinta al mittente con parole piuttosto dure. Avevano tentato di ritardare l'istanza per l'amministrazione straordinaria, prevista per oggi, indirizzando al governo parole edulcoranti, formulando anche l'ipotesi di un nuovo piano di salvataggio per rilanciare l'Ilva. Ma il consigliere economico del premier, Andrea Guerra, non l'ha presa neppure in considerazione.

Governo Renzi

Renzi: «Sondaggi? Sono qui per cambiare l'Italia»

Il Premier e Segretario del PD: «Ci mettiamo la faccia senza tirarci mai indietro». Intanto Enrico Letta promuove Guerra: «Se entrasse nella squadra di Governo sarebbe un bene». Dura la Camusso: «Ridicolizzare i sindacati è segno di debolezza».

Piazza Affari in picchiata

Nuovo tonfo per MPS

Piazza Affari amplia ulteriormente le perdite, lasciando sul terreno oltre il 2%, peggior Borsa tra le principali del Vecchio Continente. A pesare il crollo delle banche a cui si aggiungono le rinnovate tensioni politiche in Grecia. Milano perde il 2,3%, con l'indice principale Ftse Mib sceso a 18.710 punti, Francoforte l'1,5, Parigi l'1%. Nuovo crollo per Mps.

Luxottica torna in mano ai manager

Del Vecchio parla alla nazione: «Ecco cosa ho dato all'Italia»

«Sono temporaneamente tornato in azienda esclusivamente per accompagnare e agevolare i cambiamenti in atto, appena terminato e consolidato il nuovo assetto organizzativo, lascerò di nuovo ai manager il compito di guidare il futuro di Luxottica». Lo ha assicurato in una lettera ai dipendenti il patron di Luxottica, Leonardo del Vecchio.

Fuori Cavatorta e Abravanel

Luxottica: tutte le deleghe operative a Del Vecchio

Tutte le deleghe operative a Leonardo Del Vecchio. Questa la decisione del cda di Luxottica che si è tenuto ieri. Il consiglio di amministrazione - informa un comunicato diffuso ieri in tarda serata - ha accettato le dimissioni dal consiglio di Enrico Cavatorta per disaccordo sull'attuale governance. Roger Abravanel si dimette dal consiglio per le medesime motivazioni.

Crisi dinastica in Luxottica

Ora Dallas abita a Belluno

Una azienda italiana che primeggia nel mondo viene colpita improvvisamente da una crisi dei vertici. Nel giro di poche settimane se ne vanno sbattendo la porta due manager di altissimo livello. Ma dietro quelli che in termini tecnici si chiamano problemi di governance, spunta una moglie inaspettatamente invadente e una folte prole di figli di primo e di secondo letto.

Moda | Luxottica

Del Vecchio: «Invece che un capoazienda ne avrò tre»

«Io sono sempre stato dietro a Guerra, è come prima, invece che avere un capoazienda ne avrò tre». Così il presidente e patron di Luxottica, Leonardo Del Vecchio, ha commentato il nuovo assetto di vertice della multinazionale. Del Vecchio entusiasta di Google Glass, voleva più coinvoglimento. «Non c'è un cambio di strategia» per Luxottica. Lo ha assicurato il nuovo AD, Enrico Cavatorta.

Luxottica sotto i riflettori a Piazza Affari

Guerra verso l'addio a Luxottica

Negativa la reazione in Borsa, con il titolo che ha messo a segno la peggior performance tra le blue chip, lasciando sul terreno il 3,6%. Nessun commento da parte di Luxottica alle voci ma, ha ammesso l'azienda, «da tempo» tra Guerra e il presidente, nonchè azionista di riferimento, Leonardo Del Vecchio è in atto un confronto sulle strategie future.

Rapporto annuale R&S Mediobanca

Per i big dell'industria fatturato in calo ma regge la manifattura

Nonostante un fatturato 2013 in calo per i big dell'industria italiana, la manifattura resta l'architrave delle nostre grandi imprese, mentre deludono i gruppi pubblici, condizionati dal ristagno dell'industria energetica, e dei servizi.

Rapporto annuale di R&S Mediobanca

In 4 anni 12 mld di dividendi allo Stato, la metà ai privati

Lo Stato italiano ha incassato tra il 2009 e il 2013 dividendi per 11,9 miliardi, di cui 5,7 miliardi da Eni e 3,1 da Enel. I privati hanno invece incassato poco meno della metà, 5,7 miliardi.

Assemblea degli industriali di Treviso

Zaia: «Ha ragione Guerra, le imprese devono investire»

Il Presidente del Veneto: «Uno dei grandi problemi delle nostre aziende è la patrimonializzazione perché se tu quando hai due soldi ti compri la barca, poi ti compri la macchina sportiva, un appartamento al mare e uno in montagna vuol dire che in quell`azienda non ci vanno dentro risorse. E` la base dell`economia. In azienda bisogna reinvestire, capitalizzare».

Cucina

Quel «gastronomade» di Vittorio Castellani

Lo chef Kumalé racconta ai microfoni di Luxottica il suo rapporto con la cucina e la capacità che ha il cibo di avvicinare mondi e culture differenti