14 novembre 2019
Aggiornato 18:30
Luxottica torna in mano ai manager

Del Vecchio parla alla nazione: «Ecco cosa ho dato all'Italia»

«Sono temporaneamente tornato in azienda esclusivamente per accompagnare e agevolare i cambiamenti in atto, appena terminato e consolidato il nuovo assetto organizzativo, lascerò di nuovo ai manager il compito di guidare il futuro di Luxottica». Lo ha assicurato in una lettera ai dipendenti il patron di Luxottica, Leonardo del Vecchio.

ROMA - «Sono temporaneamente tornato in azienda esclusivamente per accompagnare e agevolare i cambiamenti in atto, appena terminato e consolidato il nuovo assetto organizzativo, lascerò di nuovo ai manager il compito di guidare il futuro di Luxottica». Lo ha assicurato in una lettera ai dipendenti il patron di Luxottica, Leonardo del Vecchio, dopo le ultime vicissitudini che hanno investito la multinazionale, con il valzer di poltrone ai vertici.

DEL VECCHIO: ECCO LA MIA EREDITÀ ALL'ITALIA - «Vi chiedo oggi di lasciare alle nostre spalle indiscrezioni e pettegolezzi, di lavorare con tranquillità e passione come sempre avete fatto e di guardare avanti con fiducia e determinazione, forti di questi anni di storia aziendale e dei grandi valori che ci accomunano - ha proseguito - Tutti sapete che ho speso un'intera vita dedicata al lavoro, lontano dalla ribalta e senza alcun desiderio di apparire. Voi tutti conoscete bene il risultato di questo lavoro, Luxottica, l'azienda che assieme a voi ho costruito in tutti questi anni e che amo profondamente e considero la mia vera eredità a questo Paese. Mentre in Italia si svendevano pezzi della nostra economia, Luxottica conquistava nel mondo marchi e aziende prestigiose, portava in Italia icone come Ray-Ban e Oakley e con 7.000 negozi dagli Stati Uniti all'Australia, dalla Cina al Brasile e' diventata un'azienda globale - ha concluso - mentre molti cercavano aiuti di stato o appoggi dalla politica, noi ci rimboccavamo le maniche e, con le sole nostre forze, ci facevamo valere nel mondo. Questo per me e' motivo di grande orgoglio».

BASTA FALSITÀ SULLA MIA FAMIGLIA - «Vi vorrei rassicurare sul fatto che in questo processo di cambiamento non ci sono state e non ci saranno mai influenze da parte della mia famiglia, numerosa e articolata, ma che proprio per questo amo tutta intensamente e allo stesso modo, e ringrazio per l'affetto e il sostegno che ogni giorno mi sta dimostrando». Queste le parole del patron di Luxottica, Leonardo Del Vecchio, in una lettera ai dipendenti dopo le ultime vicende che hanno interessato la multinazionale e le indiscrezioni che hanno riguardato anche la sfera famigliare.«In questi giorni abbiamo tutti letto articoli su Luxottica che riportavano tanti, troppi, pettegolezzi e falsità sulla mia famiglia e sui miei più stretti collaboratori - ha sottolineato Del Vecchio - sono stati dati giudizi superficiali sull'azienda travisando la verità dei fatti».