> <
RSS

Expo 2015: tutti i numeri del successo

Non solo numeri da primato per le presenze, l'Esposizione Universale sarà ricordata anche per i molteplici record fatti segnare nel corso dei sei mesi che hanno animato la partecipazione dei visitatori secondo l' indagine sul bilancio di Expo elaborata da Coldiretti.

Coldiretti: «Diciamo "no" alla strage degli ulivi»

"Non è possibile accettare passivamente la strage degli ulivi sani proposta dalla Commissione Europea dalla quale si attendono peraltro ancora misure concrete di sostegno agli agricoltori colpiti da una calamità di cui i veri responsabili sono i mancati controlli alle frontiere dell'Unione": è quanto afferma il presidente della Coldiretti, Roberto Moncalvo.

L'Expo ci porterà 59 milioni di visitatori stranieri

Attesi per l'Expo, dalla Coldiretti, 8 milioni di visitatori stranieri in più, che generano una spesa aggiuntiva di 5,4 miliardi. Il settore trainante è quello agroalimentare: il made in Italy sarà il principale motore di arrivo, i percorsi enogastronomici saranno le mete favorite. Nel mirino, le grandi città, ma anche destinazioni turistiche alternative.

Fava: «La liberalizzazione? Peggio di adessso non può andare»

Dopo oltre 30 anni di applicazione, il 31 marzo 2015 termina il regime delle quote latte e il settore sarà liberalizzato. In arrivo, però, nuove multe per l'Italia dove l'andamento del mercato «è drogato da comportamenti scorretti che sottopagano il prodotto finito». Ne abbiamo parlato con Giovanni Fava, esponente della Lega Nord e assessore regionale per l'agricoltura della regione Lombardia.

Gallinella: «Questi 60 miliardi non ce li restituirà nessuno»

La contraffazione dei prodotti alimentari italiani ha superato la soglia dei 60 miliardi di euro nel 2014. E' un dato allarmante, e quel che è peggio è che arrivano preoccupanti novità, come il “Prosecco made in Crimea”. Ai microfoni di DiariodelWeb.it abbiamo intervistato l'On Filippo Gallinella, deputato del M5S e membro della Commissione Agricoltura e Contraffazione alla Camera.

Coldiretti: «Politici, sugli OGM fate presto»

L'Unione Europea ha riconosciuto il diritto di ogni Stato membro di scegliere autonomamente e liberamente se coltivare OGM oppure no. Per l'Italia è una conquista importante, che tutela il suo ambiente e la qualità del Made in Italy. Il responsabile Ambiente della Coldiretti, il Dott. Stefano Masini, ha rilasciato una dichiarazione ai microfoni di DiariodelWeb.it.

Coldiretti: «Arance amare a Rosarno»

Per un chilo di arance prodotto nella piana di Rosarno vengono pagati meno di 7 centesimi. I ricavi sono perciò del tutto insufficienti a coprire i costi di produzione e di raccolta. E' quanto ha denunciato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo, che dichiara: «La mafia è l'unica a guadagnarci».

Olio, in vigore tappo anti-rabbocco

Lo rende noto la Coldiretti precisando che «si tratta di una misura di trasparenza per evitare che le vecchie oliere in bar, mense, ristoranti e pizzerie vengano riempite o allungate con prodotti stranieri spacciati per italiani». Moncalvo: «Task force garantisca l'applicazione della legge».

Siamo invasi dagli Spagnoli

Le importazioni italiane d'olio d'oliva sono aumentate del 45%, e la Spagna ha quadruplicato le spedizioni verso il nostro Paese. Eppure, benchè due bottiglie su tre rimpite in Italia siano straniere, è impossibile riconoscere il made in Italy dall'etichetta

Allarme frutta spagnola

Lo denuncia la Coldiretti nel chiedere controlli con il blocco immediato delle importazioni dalla Spagna dopo che i Ministeri della Salute e dell'Ambiente hanno vietato l'uso di agrofarmaci contenenti la molecola etossichina che sono invece ancora permessi in Spagna.

Martina: «Tutelare il riso italiano»

Il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina è sceso tra i partecipanti alla manifestazione della Coldiretti per la tutela del riso italiano e, tra mondine in cappello di paglia e risicoltori, ha preso la parola dopo il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo.

Riso, la battaglia della Coldiretti

Nel 2014 si è verificata in un solo anno una riduzione del 22% delle risaie in Italia per taglio di oltre 15mila ettari delle risaie destinate alla coltivazione di riso varietà indica che viene importata dalla Cambogia, a danno dei coltivatori italiani e a rischio della salute dei consumatori con un allarme sanitario alla settimana provocati dal prodotto asiatico.

> <