12 dicembre 2019
Aggiornato 08:30
Onestà, plebisciti e nostalgia

Dalla morale alla materia: la dura evoluzione del M5s

Finito il tempo del consenso costruito sulla superiorità morale, il M5s può dedicarsi a una proposta di rottura per la salvezza dell'Italia. Se avrà la forza di farlo

Anche sul referendum costituzionale gli Usa si fanno sentire

Un tempo la Cia, oggi le agenzie di rating: Italia sempre schiava degli Usa

A quanti padroni dobbiamo rispondere oggi? E perché il referendum costituzionale di Renzi fa gola a così tanti soggetti? L’Italia ha ancora dei mercati che sono blindati, perché direttamente gestiti dallo Stato.

Analisi del look del segretario della Lega

L'abito fa il leader. Ecco perché Salvini non rinuncerà mai alla sua felpa

Matteo Salvini, a livello di comunicazione, può essere considerato per certi versi un innovatore. Anche e soprattutto nel look. E la sua felpa è uno degli ingredienti fondamentali e irrinunciabili del suo messaggio. Ecco come e perché

Le scuse del premier

Renzi 2 o Renzi 1? Questo è un Renzi 0

Matteo sostiene di avere mediato troppo e di voler tornare il vecchio rottamatore. Ma non ci riuscirà, perché ormai gli italiani hanno scoperto il suo bluff: troppe promesse fatte, nessuna mantenuta. Proprio come gli altri politici

Naufragio azzurro

Berlusconi fuori dalla politica. Ci avevate creduto?

Silvio dice 'no' alle primarie, ma non nomina nemmeno un suo successore. Insomma, il capo supremo di Forza Italia (o Partito repubblicano, o Italia liberale, come preferite) rimane lui. Un disastro annunciato per il centrodestra

I 38 del Pd che hanno cercato di sgambettare il governo

Bersani, l’eterno sconfitto

Non si è spaccato il partito democratico, ma il partito dei dissidenti. La maggior parte dei riformisti si è schierata con il premier in difesa dell’ unità del gruppo e della poltrona. Ma anche chi ha scelto la strada dell’astensione rischia poco: «Non ci saranno azioni disciplinari, non siamo il 5Stelle», li ha rassicurati Ettore Rosato.

Legge elettorale

Sacconi: Italicum diventi legge e poi si pensi alla riforma del Senato

«Finalmente le intuizioni di Craxi trovano attuazione», afferma il presidente della commissione Lavoro del Senato Maurizio Sacconi in relazione alla legge elettorale. «Sono in gioco la ricostruzione del rapporto tra cittadini e istituzioni», perciò la riforma elettorale deve diventare legge con il voto della Camera, sostiene Sacconi.

Il blog del M5S commenta il post elezione

Grillo: «Il Carnevale al Quirinale, ma i problemi dell'Italia restano»

Sul blog del comico genovese appare un post in cui si critica aspramente l'elezione del dodicesimo capo dello Stato. In particolare Grillo&Co. attaccano le polemiche sorte attorno a «vinti» e «vincitori», alla foga del momento che nasconde - ancora - i problemi del Paese: domani «ricominceranno i problemi della disoccupazione, della corruzione, della criminalità fusa con la politica».

Per la Lega Nord, Amato sarebbe una fucilata agli italiani

Corsa al Colle: si allunga la lista di siluri e silurati

Chi entra Papa in conclave, esce cardinale. E lo sanno bene non solo a San Pietro, ma anche al Quirinale. Per questo, tutti i partiti evitano oggi di fare nomi: per non bruciarli prima del tempo, e riuscire a custodirli finché i giochi non saranno fatti. E, se proprio ci si deve esporre, è decisamente meglio dire chi non si voterà per tarpare le ali al candidato scomodo di turno.

Morto il 19 gennaio 2000

Craxi, commemorazioni a Roma e Milano a 12 anni dalla morte

Nuovo PSI: Va celebrato in Italia per quanto ha fatto per il Paese. Barani: Al timone di Palazzo Chigi ridusse di ben 7 punti il differenziale tra l'Italia e gli altri Paesi europei riuscendo a conquistare quella fatidica tripla A che il Paese é riuscita amante nere solamente durante i suoi governi

Convegno organizzato dal Nuovo PSI

Dodici anni dalla morte di Craxi, i Socialisti lo ricordano

«Non ad Hammamet ma a Roma, è in Italia che ha fatto tanto sia come segretario nazionale del Psi che in qualità di presidente del Consiglio e che gli deve la conquista di una importante centralità internazionale ottenuta anche grazie alla sua autorevolezza»