15 ottobre 2019
Aggiornato 20:00
Crisi Alitalia

Perché la fine di Alitalia è lo specchio del paese

Lo Stato italiano ha sublimato, nel vano tentativo di salvare Alitalia dal fallimento, circa 8 miliardi di euro. Ma contro una serie di scelte sbagliate e i costi gonfiati della compagnia aerea non ha potuto nulla

Alitalia si avvia verso il commissariamento e la liquidazione.
Alitalia si avvia verso il commissariamento e la liquidazione. ANSA

FIUMICINO – Alitalia è lo specchio del paese. L'ennesimo carrozzone in perdita da decenni, usato come un bancomat da politici, sindacati e manager senza scrupoli. Sprechi a non finire e scelte manageriali disastrose hanno prosciugato la mammella dello Stato italiano, che ha sublimato fra i 7,4 e gli 8 miliardi di euro di soldi pubblici nel vano tentativo di evitarne il fallimento. Ma i conti restano in rosso e il carburante per l'ultimo volo è ormai quasi finito.

LEGGI ANCHE Sul destino di Alitalia si spacca la politica italiana

Uno spreco da 8 miliardi di euro
Secondo i calcoli di Mediobanca, Alitalia è costata al contribuente italiano dal 1974 in poi fra i 7,4 e gli 8 miliardi di euro. Una cifra monstre a fondo perduto. Perché le ricapitalizzazioni e le mance statali non hanno potuto nulla contro la sua maledizione. Niente a che fare con la stregoneria, però. Il fallimento di Alitalia è piuttosto il risultato di una serie di disastrose scelte manageriali e della condotta senza scrupoli di politici, sindacalisti e manager che hanno attinto alle sue riserve come fosse il pozzo di San Patrizio.

LEGGI ANCHE Alitalia alla resa dei conti: storia di una turbolenza continua ad alta quota

Quando cominciano i guai di Alitalia
Il male di Alitalia viene da lontano. Dal boom economico degli anni Settanta, quando i dipendenti della compagnia aerea prendevano stipendi da capogiro e diarie mozzafiato. Gli organici erano gonfiati a dismisura (si contano 20mila dipendenti) e le assunzioni spesso si decidevano mediante raccomandazione. Sul finire del secolo, però, i nodi vengono al pettine e i conti di Alitalia prendono la strada dell'inesorabile declino. Se fino ad allora, infatti, i problemi contabili venivano ridimensionati grazie all'esistenza di un pratico monopolio di Stato - che permetteva alla compagnia di tenere alte le tariffe -, con l'evolversi della concorrenza sul mercato internazionale questo escamotage smette definitivamente di funzionare.

LEGGI ANCHE Alita(g)lia, perché non possiamo gioire del salvataggio dei posti di lavoro

Il tentativo con Air France e l'intervento di Berlusconi
Le tappe successive della storia di Alitalia si susseguono abbastanza rapidamente e la compagnia colleziona ben tre fallimenti in soli otto anni. La prima privatizzazione risale al 1996, sotto il governo Prodi, ma non migliora i conti disastrati e nel 2006 l'Esecutivo è costretto a vendere una parte delle quote che erano ancora in mano allo Stato per salvarla in extremis dalla bancarotta. La gara per acquistarle, però, andò deserta e il Governo tentò di vendere Alitalia ad Air France-KLM. Ma Silvio Berlusconi, all’epoca leader dell’opposizione, aveva dichiarato di essere contrario alla trattativa perché riteneva necessario «preservare l’italianità della compagna»: Air France-KLM comprese così che il nuovo governo le sarebbe stato ostile e optò per un lungimirante dietrofront.

I «capitani coraggiosi» e la bad bank
Di lì a poco (era l'8 maggio del 2008) Silvio Berlusconi vinse le elezioni e durante l’estate riuscì a mettere in piedi la cosiddetta CAI: Compagnia Aerea Italiana. Una società presieduta dai «capitani coraggiosi»: l’imprenditore Roberto Colaninno, il gruppo Benetton, il gruppo Riva, il gruppo Ligresti, quello dei Marcegaglia, della famiglia Caltagirone e altri nomi illustri del panorama politico e imprenditoriale italiano. Lo scopo della CAI era rilevare il marchio di Alitalia e la parte «sana» della compagnia (che effettivamente acquistò sborsando solo 300 milioni), mentre lo Stato si accollò il costo della bad bank (pari a circa 2 miliardi di euro). Tuttavia, neanche questo disperato tentativo riuscì.

Gli errori dei manager e la morale della cicala
Il piano strategico della nuova compagnia era infatti (stra)pieno di falle ed errori: tagliava selvaggiamente le rotte estere e in particolare quelle a lungo raggio, l'unico mercato sul quale la compagnia poteva eccellere davvero per l'assenza degli operatori low-cost. Per risollevare le sorti di Alitalia, invece, sarebbe stato necessario fare esattamente il contrario: sforbiciare le tratte a corto raggio, quelle meno competitive a causa degli alti costi della compagnia. Vale la pena sottolineare che Alitalia spende 6,5 centesimi a chilometro per passeggero contro i 3,5 di Ryanair. Una battaglia evidentemente persa in partenza. E infatti nel 2013 la nostra compagnia di bandiera si ritrova ancora una volta sull'orlo del fallimento. Si fa avanti Etihad, che sembra l'unica possibilità di salvezza. Ma sappiamo come è andata a finire. Alitalia è un gigantesco carrozzone che ha fatto la cicala per troppo tempo, attingendo risorse dalla mammella dello Stato italiano. Alla fine è arrivato l'inverno. E non è rimasto più nulla da spolpare.