26 giugno 2017
Aggiornato 14:00
> <
RSS

Nibali: «Al Tour vi farò divertire»

Sabato al via la Grand Boucle con l'italiano protagonista: «Quello che ha meno pressioni di tutti è Contador, perché ha già vinto il Giro. Uno scalino sopra a tutti metto Quintana, subito sotto c'è Froome. Ma attenti anche a Rodriguez, che sta molto bene»

Armstrong vuole tornare alle gare

«Il bando a vita è una condanna a morte. Il momento più umiliante per me? Quando mi sono dimesso dalla fondazione Livestrong», aggiunge. Le dichiarazioni shock di Armstrong, intanto, continuano a fare discutere. E non convincono il presidente dell'Agenzia mondiale antidoping

Armstrong: Il doping? Parte del mio lavoro

«Passerò il resto della mia vita a cercare di riconquistare la fiducia della gente». La tanto attesa intervista televisiva a Lance Armstrong, ex star del ciclismo mondiale, è andata in onda ieri sera, e per la prima volta il ciclista americano, vincitore di sette titoli del Tour de France, ha ammesso davanti a Oprah Winfrey di essersi dopato

Armstrong lascia cda Livestrong

«Lance Armstrong ha scelto di dimettersi volontariamente dal board, per risparmiare all'organizzazione gli effetti negativi della vicenda che coinvolge la sua carriera ciclistica». Queste le parole di Jeff Garvey, l'uomo che ha sostituito proprio il texano nella carica di presidente della fondazione

Armstrong, sette Tour senza vincitori

I Tour revocati non saranno riassegnati. L'Uci, inoltre, ha ordinato al ciclista texano di restituire tutti i premi conseguiti a partire dall'1 agosto 1998. Dopo la radiazione di Armstrong per ripetute violazioni delle norme antidoping (accertate dall'Usada), arriva dunque il colpo finale nei confronti del ciclista americano

La Nike «scarica» Armstrong

L'azienda sportiva americana: «Poiché le prove sul fatto che si sia dopato e ci abbia ingannato per più di dieci anni sembrano inconfutabili, è con grande tristezza che abbiamo interrotto il contratto con lui». Intanto Lance lascia anche la presidenza della Livestrong

Armstrong «dopato», le prove dell'USADA

Non ha fine l'inchiesta contro Lance Armstrong per il presunto utilizzo di doping. Questa volta però, sembrano esserci davvero le prove per incastrare il texano, vincitore di sette Tour de France. L'agenzia anti-doping americana, la Usada, ha consegnato all'UCI e alla WADA un fascicolo di 1000 pagine

Doping, Armstrong rinuncia a difendersi

Lance Armstrong, sette volte campione del Tour de France, ha annunciato oggi che non intende continuare a combattere contro le accuse di doping mosse contro di lui dall'Agenzia anti-doping americana (Usada), che riguardano il periodo compreso tra il 1999 e il 2005

> <