> <
RSS

L'Amsterdam Arena omaggia Cruijff

Un minuto di applausi per il campione scomparso. «Grazie Johan», una gigantografia del leggendario olandese e il suo numero 14 in bella mostra. I giocatori della nazionale orange hanno indossato una maglia speciale con il numero 14 sulla spalla.

L'Olanda piange Johan Cruyff

Il numero 14 per gli olandesi significa solo e soltanto Johan Cruyff. Centinaia di mazzi di fiori, ma anche sciarpe e bandiere sono stati deposti davanti alla casa dove è cresciuto il mito del calcio arancione, del Barcellona e più in generale del pallone a livello mondiale.

Addio Cruiyff, leggenda del calcio

Il calciatore e allenatore olandese, fu il leader del grande Ajax e della nazionale che rivoluzionò il gioco col «calcio totale», vinse la Coppa dei campioni per tre anni di fila con l'Ajax in campo, dal 1971 al 1973, e poi la conquistò nuovamente da allenatore col Barcellona nel 1992.

Conte: «Mi auguro di riuscire a dormire»

Alla vigilia della prima panchina in Azzurro, il Ct non nasconde la sua emozione: "Mi auguro di riuscire a dormire qualche ora, prima di impegni importanti fatico a prendere sonno e ieri ho dormito poco. Devo dire che quando dormo poco penso molto e magari mi vengono anche delle buone idee».

Tutti contro Van Gaal

Dal capitano dell’Italia mondiale nel 2006, dura reprimenda nei confronti del tecnico olandese («ha mancato di rispetto a Cillesen»), ma anche il portiere titolare Cillesen si lamenta: «Non mi aspettavo il cambio e non l’ho gradito».

La gaffe su Twitter dela Klm

La compagnia di bandiera olandese ha salutato il 2-1 dell’Olanda sul Messico ai Mondiali in Brasile con il cinguettio «Adios Amigos», accompagnato da una immagine stilizzata di un uomo con baffi, poncho e sombrero. Nonostante il messaggio sia stato cancellato in brevissimo tempo, le polemiche sono state durissime

Olanda-Messico 2-1

Emozioni fino all’ultimo secondo tra Olanda e Messico. Alla fine la spuntano gli Orange con 5 minuti finali da shock anafilattico per i poveri messicani e due reti degli ex-milanesi Sneijder e Huntelaar. Ochoa si conferma ancora una volta il migliore in campo e, con un’altra prestazione monstre, ribadisce al mondo di essere senza contratto. Se qualcuno fosse interessato…

Del Bosque preoccupato dalla difesa

Vicente Del Bosque non accampa scuse dopo la sconfitta pesantissima per 5-1 della sua Spagna contro l'Olanda. Il commissario tecnico delle Furie Rosse, al termine della gara, spiega: «Un'umiliazione mondiale? Io posso dire che la sconfitta è meritata»

Spagna-Olanda 1-5

La rivincita della finale mondiale del 2010 si conclude con una clamorosa disfatta dei campioni del mondo. Van Persie e Robben fanno letteralmente ammattire i malcapitati difensori spagnoli ed alla fine il risultato è perfino stretto per Van Gaal e i suoi ragazzi.

> <