20 ottobre 2019
Aggiornato 02:00
Nel ’53 a Berlino fu abbonata la metà del suo debito (e non solo)

Quando fu la Grecia (e il resto d’Europa) a salvare la Germania

Nel lontano 1953, a una Germania distrutta dalla guerra, l'Europa (compresa la Grecia) decise di tagliare più della metà del suo debito, e approvò una serie di misure che hanno consentito a Berlino non solo di riprendersi, ma di diventare la colonna del Continente. Alla Germania sì e alla Grecia no?

Calciomercato | Milan

Berlusconi jr. scopre le carte: Ibrahimovic si

Piersilvio protagonista della giornata rossonera: «Magari tornasse Ibra, però la difesa ancora manca di qualità». Proprio in queste ore è previsto l’incontro tra Galliani e Ramadani per parlare di Jovetic e del difensore Nastasic. Intanto lo staff medico rossonero è partito per la Colombia dove Bacca sosterrà le visite mediche per poi unirsi il 20 luglio alla sua nuova squadra.

GP d'Italia in lotta per sopravvivere

Monza, anche la Ferrari combatte per salvare il Gran Premio

All'appello del presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, risponde il numero uno della rossa di Maranello, Sergio Marchionne: «Faremo tutto ciò di cui ci sarà bisogno per mantenere la gara». Anche versare i soldi chiesti da Bernie Ecclestone per un posto nel calendario della Formula 1?

Festival cinematografici

Magna Grecia Film Festival nel nome di Mario Monicelli

Dal 25 luglio al 2 agosto il quartiere marinaro di Catanzaro sarà palcoscenico perfetto di una grandissima festa del cinema italiano con tantissimi ospiti. Madrina Chiara Baschetti, indossatrice adorata da Giorgio Armani.

La morte bianca

184 mila morti all’anno per le bibite zuccherate

Nei Paesi dove il consumo di bevande zuccherate è alto si stima che questo causi il decesso di centinaia di migliaia di persone ogni anno. Un’emergenza che interessa tutto il mondo occidentale.

Prove d'eccezione

Un'altra leggenda torna in Superbike con Ducati

Il campione del mondo 2011 Carlos Checa stacca il casco dal chiodo, ma non per una gara: è impegnato in questi giorni nel test collettivo delle derivate di serie sul tracciato del Mugello con la Panigale 1199 R, in sostituzione dell'infortunato collaudatore Luca Scassa

L'annuncio

Palinsesti Mediaset, il colpo grosso è il cartoon di Celentano

Presentati i palinsesti 2015/16. Piatti forti la novità del Molleggiato e l'esclusiva assoluta per il grande calcio con Premium. Arrivano poi una fiction con Gianni Morandi, un doppio Grande Fratello, tante conferme e qualche escluso

Salvini e La Lega Nord non hanno dubbi

«Siamo pronti per governare questo paese»

Il Pd e Matteo Renzi sono avvisati: il leader del Carroccio non vede l'ora che il paese torni alle urne

La leadership continua

Grillo pronto a farsi da parte? Macché...

Si parla della stanchezza di Beppe Grillo e di una imminente caduta della testa del Movimento. Diverse le uscite infelici del leader, ma l'impegno del fondatore resta quello di otto anni fa e la leadership non cade

Se finiremo nelle acque inesplorate di Draghi

Grecia, il default degli economisti

Nell’epoca delle simulazioni matematiche sembra impossibile che il governatore della Bce confessi di non essere in grado di sapere cosa succederò con un eventuale Grexit. Gli economisti non spiegarono che cosa sarebbe successo con il nostro ingresso nell’euro, ma poi si sa che fine fecero i nostri stipendi. Intanto sarebbe ora di aprire un dibattito sul debito

La polemica del campione

Stoner al vetriolo: «La MotoGP di oggi è una m...»

Il due volte iridato australiano è tornato in pista questo weekend al festival della velocità di Goodwood e non ha perso occasione per far di nuovo parlare di sé: «Tornare a correre nella classe regina? Solo se fossimo negli anni d'oro della classe 500». E sullo scontro tra Rossi e Marquez? «Ha ragione il Dottore»

Calciomercato - Serie A

Milan, ci risiamo: nuovo derby di mercato per Jovetic

Ai dirigenti delle due squadre di Milano non è bastato lo scontro frontale per Kondogbia, preceduto dalle scaramucce per Suarez, Miranda, Imbula e Salah. Adesso nell’occhio del ciclone è l’attaccante montenegrino del City Jovetic, ma il Milan tiene sotto controllo anche un altro giovane serbo, il difensore Nastasic, anche lui rappresentato dal procuratore Ramadani.

Il servizio di streaming musicale di Cupertino è realtà

Beats 1, ecco la prima radio di Apple Music

Ad inaugurare formalmente le trasmissioni è stato Zane Lowe, dj neozelandese famoso per la conduzione di programmi radiofonici e televisivi su Bbc Radio 1 e Mtv. La prima canzone scelta da Lowe non è stata una hit planetaria, bensì la canzone «City», della band indie-punk di Manchester Spring King.

Da che parte sta Matteo?

Renzi preferisce la Merkel a Tsipras

Il presidente del Consiglio dà la colpa del fallimento dei negoziati alla Grecia, e non ai ricatti della Germania. Non sembra capire che noi e Atene, in fondo, siamo sulla stessa barca

Cucina, gioco e spettacolo

Cracco, Cannavacciuolo e Borghese in scena al Casino di Sanremo

Cene esclusive e cooking show in tre serate nel mese di luglio con la presenza delle tre star chef televisive Carlo Cracco, Antonino Cannavacciuolo e Alessandro Borghese al Roof Garden del Casinò sanremese

Pronto soccorso

La base di elisoccorso rimane a Borgosesia

La base operativa di Borgosesia è nelle immediate vicinanze del presidio ospedaliero. Il mezzo di trasporto svolge circa 650-700 missioni annue

FdI commenta la decisione della Farnesina

«Marò a casa subito, altrimenti ritiro immediato delle nostre truppe»

Il Ministero degli Affari esteri annuncia l'attivazione delle procedure per l'arbitrato internazionale in relazione al caso Marò. Giorgia Meloni denuncia l'inadeguatezza e l'incompetenza dei governi Monti, Letta e Renzi nell'affrontare la questione

Una trappola fatta di bluff e astuta strategia massmediatica

Per l'Isis quelle vittime sono solo «trovate pubblicitarie a basso costo»

Gli attacchi di venerdì in Tunisia, Francia e Kuwait, per l'Isis, sono stati una trovata pubblicitaria, e pure a basso costo. E noi, ancora una volta, siamo caduti nella trappola. Perché anziché dare attenzione ai carnefici (assecondando la loro strategia), dovremmo darla (concretamente) alle vittime. Anche a quelle più lontane da noi