19 novembre 2019
Aggiornato 21:30
Lega Nord

Salvini: «Capisco chi vuole un nuovo Mussolini»

Il segretario della Lega Nord ospite di Agorà 2017 su Raitre, ha risposto al conduttore che gli chiedeva se non fosse preoccupato da chi dice che rivoterebbe il Duce, che gli unici che dovrebbero avere paura sono Monti, Letta, Gentiloni e la Boldrini che «non facendo nulla incentivano queste reazioni»

L'ex ministro sui rapporti con l'Europa e la legge di dibilancio

Tremonti: Renzi come Mussolini, ma usa strumenti di latta

Come Mussolini reagiva virilmente alla Società delle nazioni così Renzi reagisce astutamente all'Unione europea. Con quali strumenti e con quali argomenti? Strumenti di latta, ha detto l'ex ministro dell'Economia

La battaglia di Pd e partigiani

A Predappio il museo del fascismo divide ancor prima di aprire

Il museo del fascismo dovrebbe sorgere nella città del Duce ed essere inaugurato nel 2019. Per realizzarlo servono 5 milioni di euro, di cui 4,5 sarebbero fondi pubblici. Per il sindaco del Pd è l'unico modo per cambiare faccia alla città

Artefice il giornale Gawker

USA 2016, Trump cita Mussolini su Twitter. Ma è un fake

Il candidato repubblicano ha ritwittato una frase di Mussolini da un account-parodia senza accorgersi che in realtà era stato montato ad arte per capire quanto sia "sempliciotto"

Il fatto

La scritta fascista a Pontebba è stata fatta da un nipote del Duce

Si tratta di Davide Fabbri, il «Vichingo», che si presenta come uno dei pronipoti di Mussolini. E’ stato lo stesso Fabbri, dal suo profilo Twitter, ad «autodenunciarsi», dichiarando la paternità della scritta «Per un mondo più pulito torna in vita zio Benito»

L'anniversario

Leggi razziali: cerimonia a Trieste 77 anni dopo l'annuncio

Tanto è trascorso da quel 18 settembre 1938, quando Benito Mussolini, dal palco di piazza Unità anticipò l’entrata in vigore delle leggi razziali antiebraiche. Una «macchia incancellabile del regime fascista e della monarchia italiana»

Anche il leader del Fascismo denunciò il genocidio

Sugli Armeni, Mussolini come Francesco

In un articolo del 1902,il giovane Benito Mussolini espresse il suo lo sdegno per quello che definì un «popolo che cade»: si riferiva proprio agli armeni, il cui massacro passava sotto silenzio. Il massacro che anticipò il genocidio del 1915 che Papa Bergoglio qualche giorno fa ha ricordato, scatenando la furiosa reazione di Ankara.

1945-2015

D Day: la storia dell’Italia in guerra raccontata da Cerno

Parte venerdì 27 marzo il ciclo di 4 puntate in onda su RaiTre in prima serata. Si comincia con Hitler e Mussolini. In studio, insieme al direttore del Messaggero Veneto, ospite fisso sarà Paolo Mieli

Primo vertice italo-Vaticano dell'era Mattarella

Papa Francesco a Renzi: «Basta coi cerimoniali pomposi»

Il prossimo 17 febbraio si celebra l'anniversario dei Patti lateranensi, e sarà il primo vertice italo-Vaticano del nuovo Capo dello Stato, Sergio Mattarella. I rapporti tra il governo italiano e la Santa Sede sono solidi, ma il Papa ha già cambiato l'etichetta diplomatica: niente più cerimonie in aeroporto per le partenze del Papa.

Domani la Grecia affronta le forche caudine di Bruxelles

Tsipras e Varoufakis a Roma, prove generali di dialogo

Dopo l'annuncio del ministro delle Finanze, Yanis Varoufakis, la borsa di Atene è schizzata al rialzo: più 11%. La Grecia pagherà il suo debito, ma una cosa è chiara: Alexis Tsipras e il suo vice non chineranno la testa davanti all'Europa, così come i loro antenati non furono disposti a farlo dinnanzi all'ultimatum di Benito Mussolini.