16 novembre 2018
Aggiornato 00:30

Toscani delira ancora: «I cani sono più intelligenti dei leghisti»

Il fotografo preferito dai Benetton si scatena di nuovo ai microfoni de La Zanzara su Radio 24: «Salvini ritrovi i 49 milioni spariti, invece di rompermi»
Il fotografo Oliviero Toscani durante la presentazione dell'anteprima della sua mostra fotografica
Il fotografo Oliviero Toscani durante la presentazione dell'anteprima della sua mostra fotografica (Luca Zennaro | ANSA)

ROMA«Mi sento più intelligente di qualsiasi leghista. Anche il mio cane lo è. Quando abbaia ha un’aria più intelligente». Oliviero Toscani è tornato. E con lui, anche i suoi deliri in diretta radiofonica. Il fotografo preferito del gruppo Benetton si è fatto notare recentemente per gli scatti, pubblicati dalla rivista Maxim, che ritraevano l'ex ministro Maria Elena Boschi: «Mi sono incazzato perché quelli di destra la volevano nuda – ha spiegato Toscani – Siete tutti dei finocchiacci strani, dei pervertiti. Le donne devono avere i tacchi, devono essere pitturate, devono avere il culo fuori... Al Giornale ho detto che a destra sono dei pipparoli, piacciono queste donne un po‘ da travestiti, queste donne che sono super volgari».

Con Lucano e contro Salvini
Ma la trasmissione La Zanzara, in onda su Radio 24, lo ha interpellato soprattutto per discutere del caso del sindaco di Riace, Mimmo Lucano, che per decisione della magistratura non può più abitare nel suo Comune, e che lo stesso Toscani si è offerto di ospitare in Veneto: «Mimmo Lucano lo ospitiamo noi qui a Fabrica, a Treviso – ha dichiarato – Sarà la Riace d’Italia, una specie di Fort Knox, il centro della resistenza. Venga pure, la dimora gliela diamo noi, una camera e tutto. L’obbedienza non è una virtù, lo diceva Don Milani. E gli eroi sono quelli che vanno contro le regole. Hanno fatto le leggi razziali e qualcuno ci andò contro. Anch’io farei un matrimonio combinato pur di ospitare qualcuno che non ha il diritto di stare qua, è logico. Magari alla fine si amano. E quelli che si sposano per amore e poi divorziano, e magari si ammazzano anche? Più neri in Italia vuol dire più cultura. Come in Francia, come in America. Nella Francia che ha vinto i Mondiali, tre quarti erano neri. Abbiamo capito che il mondo ormai funziona quando è così: più siamo mescolati meglio è, solo i cretini non lo capiscono. E questo della Lega, Salvini, si dia da fare per ritrovare i 49 milioni che hanno fatto sparire, invece di rompermi».

Baracconata fascista
Anche questa occasione, dunque, è buona per prendersela con i leghisti, i razzisti. E anche i fascisti, che hanno annunciato manifestazioni a Predappio in occasione della riapertura della cripta di Benito Mussolini: «Sono contrario a proibire queste cose – ha commentato ancora Toscani – E poi quelli che vanno in camicia nera alla tomba del Duce sono come quelli del Gay Pride, lo fanno anche lì, fanno delle cagate. Io sono contrario ai Gay Pride, perché devono travestirsi così? Ma perché se sono gay devo passare da baraccone? Come quelli che si vestono di nero e vanno a fare la parata per il Duce. Sono patetici, poveretti, hanno perso tutto, anche culturalmente. È come a carnevale, vestiti così. Fanno ridere».