19 settembre 2018
Aggiornato 10:30

Milan, Donnarumma: scuse ai tifosi e un rapporto da ricostruire

Il gran giorno delle firme è arrivato: Gigio, insieme al fratello Antonio, ha siglato l’accordo che lo legherà al club di via Aldo Rossi fino al 2021, clausola rescissoria permettendo. Le parole del baby fenomeno rossonero sono state soprattutto di scuse ai tifosi: «Mi dispiace se si sono sentiti traditi, ma io ho sempre voluto solo il Milan».

Milan: Gigio e Loca, l’imperativo è volare basso

I due uomini copertina del nuovo Milan di Montella sono senza dubbio i ragazzini terribili Donnarumma e Locatelli, protagonisti indiscussi della vittoria rossonera contro la Juve. Ma i tanti errori commessi dai due nel corso del match devono ricordarci che hanno appena 17 e 18 anni ed è fondamentale farli crescere con calma.

La Juventus aggrappata a Pogba

Il talento e la personalità del francese, recuperato, possono essere le armi decisive domenica sera a Milano in un a gara da vincere a tutti i costi per coltivare ancora qualche speranza scudetto

Khedira-Marchisio: la Juve recupera il centrocampo

L’azzurro tornerà a disposizione di Allegri dopo la sosta. Col tedesco, già rientrato una settimana fa, si ricompone la linea mediana titolare dei bianconeri, ora quasi al completo per tentare la rimonta in campionato. Intanto Zaza è confermato anche dopo gennaio

L’unica certezza della Juventus è Pogba

Le partenze illustri, il difficile inserimento dei nuovi e i continui infortuni stanno rendendo complicato l’inizio di stagione dei campioni d’Italia. Il talento francese è la grande conferma juventina, il totem a cui Allegri può aggrapparsi a cominciare dalla Supercoppa di sabato

Ecco cosa è rimasto della prima Juve di Conte

La finale di Berlino ha segnato una linea di demarcazione fra il vecchio e il nuovo: della Juve di Conte è rimasta solo metà squadra, ma soprattutto sono andati via tre leader come Pirlo, Tevez e Vidal, segno che i bianconeri sono pronti a dar continuità con un gruppo rivoluzionato

Milan, il rimpianto di Lodetti: «Che errore lasciarsi sfuggire Khedira»

Intervista esclusiva con il leggendario ex-centrocampista del Milan su tutti i temi del mercato rossonero. Prima parte dedicata al settore nevralgico della mediana, sua zona di competenza quando giocava accanto a Gianni Rivera: «In rosa manca un uomo in grado di velocizzare il gioco. Il tedesco Khedira sarebbe stato perfetto per Mihajlovic».

Juventus: ora Pogba non è più incedibile

Agnelli e Marotta confermano la volontà di trattenere il francese, ma hanno smesso di parlare di incedibilità a tutti i costi. Le promesse del Barcellona e i 100 milioni offerti dal Manchester City stanno facendo vacillare i bianconeri

Fuori Pirlo, dentro Khedira

L’ormai certo addio del regista bresciano e l’arrivo del mediano tedesco ridisegnano il reparto nevralgico bianconero in cui Marchisio avrà sempre più visibilità. E sullo sfondo c’è sempre Nainggolan che è molto più di un’idea