22 febbraio 2020
Aggiornato 17:30
Calcio | Nazionale

Sorpresa Milan: Gattuso cambia idea e formazione

A dispetto dei vari test in settimana a Milanello, l’allenatore rossonero sembra intenzionato a mandare in campo una squadra con alcune importanti novità di formazione: Borini in difesa, Montolivo in regia e Calhanoglu al posto di Bonaventura.

L'allenatore del Milan Gennaro Gattuso
L'allenatore del Milan Gennaro Gattuso ANSA

MILANO - I test in settimana erano stati chiari a Milanello: massima attenzione all’approccio al match, concentrazione totale, riduzione allo zero di ogni possibile errore e, dulcis in fundo, possibile cambio di modulo, con conseguente scelta degli uomini funzionale a questa sorta di rivoluzione metodologica. 
Ebbene, il 4-4-2 provato e riprovato da Gennaro Gattuso in allenamento, ma anche già visto in qualche occasione in partita (ad esempio i venti minuti finali, con vittoria, a Genova), è stato sdoganato ufficialmente e questa sera all’Emirates Stadium il Milan tenterà l’impresa con questa nuova veste tattica.

L’azzardo di Rino
La novità è però rappresentata dagli uomini che scenderanno in campo. Non ci sarà Zapata sulla fascia destra, provato e riprovato in settimana per far fronte all’assenza dei tre terzini di ruolo (Calabria, Abate e Conti), ma alla fine lasciato in panchina per far posto a Fabio Borini. Una scelta motivata, se consideriamo la necessità di dover recuperare il risultato, ma forse un tantino azzardata visto che nella sua zona graviterà Mkhitaryan, l’uomo che ha già castigato i rossoneri all’andata.

Biglia a riposo
Altre due novità in mezzo al campo, dove Riccardo Montolivo sembra aver scavalcato Lucas Biglia - irretito nella partità d’andata dalla manovra del centrocampo dell’Arsenal - nelle preferenze del tecnico rossonero. Sarà l’ex capitano milanista a fare da metronomo in campo, l’uomo indicato per frenare i contropiedi dei Gunners e nello stesso far ripartire rapidamente l’azione milanista con l’obiettivo di far male alla difesa tutt’altro che imperforabile di Arsene Wenger.

La formazione
Accanto a lui, oltre a Suso sulla fascia destra e Kessiè al centro, agirà Hakan Calhanoglu, chiamato ad un nuovo derby a distanza con il quasi connazionale Ozil. Il turco ex Leverkusen alla fine è stato preferito a Jack Bonaventura, apparso in condizioni tutt’altro che brillanti nelle ultime 2-3 uscite e quindi invitato ad un turno di riposo dall’allenatore rossonero. 
Questa quindi la formazione ufficiale scelta da mister Gattuso per tentare la grande rimonta a casa dell’Arsenal: Donnarumma in porta; Borini, Bonucci, Romagnoli e Rodriguez a formare il quartetto di difesa; Suso, Kessiè, Montolivo e Calhanoglu a metà campo; e per finire la coppia d’oro dell’attacco rossonero, i giovanissimi bomber Cutrone e Andrè Silva.