20 gennaio 2020
Aggiornato 17:30
Calciomercato

Milan, la lunga lista degli addii a gennaio

Con la firma di Suso sul contratto che legherà lo spagnolo al Genoa per i prossimi sei mesi, inizia a tutti gli effetti la robusta campagna cessioni del Milan. Oltre all’ex Liverpool, in partenza Nocerino e probabilmente anche i due difensori centrali Zapata e Rodrigo Ely. Si lavora anche sul reparto offensivo dove con l’arrivo di Boateng c’è sovrabbondanza.

MILANO - È fatta anche questa. Il mercato di gennaio ancora non inizia eppure il Milan ha già messo a segno due colpi, uno in entrata e un altro in uscita. Che Kevin Prince Boateng sarà un nuovo calciatore rossonero non c’è più alcun dubbio, ma oggi è arrivata anche l’ufficialità del trasferimento di Suso al Genoa. Il trequartista ex Liverpool ha appena firmato il contratto che lo legherà alla società del presidente Preziosi per i prossimi sei mesi, con opzione di rinnovo nella prossima finestra di mercato. La speranza di Galliani è di ritrovarsi all’inizio della prossima stagione con un altro calciatore rigenerato dalla cura Gasperini, esattamente come è capitato a M’Baye Niang, prestato ai grifoni rossoblu lo scorso anno e tornato a giugno a Milanello più forte di prima.

Nocerino non convocato per il 28/12
Il fantasista andaluso non sarà il solo a lasciare il Milan. Un altro che ha già le valigie pronte fuori dal centro sportivo di Carnago è Antonio Nocerino, non convocato per il primo allenamento dopo le vacanze natalizie in programma il 28 gennaio e quindi definitivamente fuori dai progetti tattici di Mihajlovic. Per l’ex centrocampista di Juve, Palermo e Torino si parla di un interessamento del Bologna dove ritroverebbe Roberto Donadoni, già suo tecnico la scorsa stagione al Parma.

Zapata e Rodrigo Ely ai saluti
E non è finita qui l’operazione di snellimento della rosa del Milan. Anche in difesa ci saranno dei tagli: Cristian Zapata e Rodrigo Ely, ormai usciti inesorabilmente dalle rotazioni del tecnico serbo, paiono destinati ad un trasferimento già a gennaio. E attenzione alle sorprese in attacco: con l’arrivo di Boateng ed il recupero di Balotelli e di Menez, Sinisa Mihajlovic si troverà con un reparto formato da ben 6 punte (Bacca, Luiz Adriano e Niang) le altre, per appena due posti disponibili. 

Uscite anche in attacco
Lecito quindi pensare che si possa fare un tentativo per cedere qualcuno degli attaccanti rossoneri, magari proprio quel Jeremy Menez, capocannoniere del Milan lo scorso anno ma fermato ormai dallo scorso maggio per un problema alla schiena. L’addio eventuale del francese sarebbe prezioso perchè semplificherebbe il lavoro a Milanello e garantirebbe a Galliani denaro fresco da investire sul centrocampo, reparto invece carente per tradizione.