22 luglio 2019
Aggiornato 20:00

Milan: obiettivo Champions, ma preoccupa il buco in bilancio

Grande entusiasmo in casa Milan dopo l’inaspettato pareggio a Roma. Galliani non si nasconde più («L’obiettivo è la prossima Champions»), ma senza con 70 milioni di passivo nell’esercizio 2014 appare impossibile fare mercato a gennaio. La squadra intanto si prepara alla trasferta a Dubai e all’amichevole con il Real Madrid di Ancelotti.

Finalmente vacanze. Per il Milan è arrivato il momento tanto atteso del rompete le righe, celebrato da Adriano Galliani con un discorso alla squadra che ha fatto riecheggiare tra le mura di Milanello i temi tanto cari al cavalier Berlusconi: «Abbiamo dimostrato che non siamo inferiori nè alla Roma, nè al Napoli - le parole piene d’orgoglio dell’amministratore delegato rossonero -. Abbiamo vinto con la Lazio, col Napoli e avevamo fatto bene con la Juventus. Il trend rispetto allo scorso anno è decisamente cambiato».

Verissimo, soprattutto grazie ad una difesa rivelatasi insospettabilmente impenetrabile proprio nel momento di allarme rosso, con tanti titolari (Abate, Alex. Rami, De Sciglio) fuori uso per infortuni di varia natura. Anche su questo aspetto Galliani è stato chiaro: «Il merito va dato a chi ha giocato al posto loro e lo ha fatto benissimo».

Adesso però è importante non perdere di vista l'obiettivo: «Dobbiamo andare in Champions League. Due campionati fa avevamo 30 punti nel girone di andata, poi ne abbiamo fatti 42 nel girone di ritorno. Dobbiamo andare avanti col passo che avevamo nelle prime 7 giornate. Per andare in Champions dobbiamo fare più di 70 punti. Con Napoli e Roma abbiamo fatto 4 punti che è perfetto, se teniamo questo passo per un po' di settimane torniamo in alto». 

Intanto è tempo di pausa natalizia. Mentre Galliani guarda avanti, sognando scenari europei per il Milan, Pippo Inzaghi ha già manifestato il suo disappunto, infastidito dalla sosta che arriva a spezzare questo «magic moment» della squadra, conquistato a prezzo di tanta fatica. Le vacanze di fine anno rappresentano però anche il momento decisivo per mettere a punto le definitive strategie del mercato di gennaio. Non che ci sia molto da fantasticare purtroppo. Secondo le indiscrezioni relative al bilancio del 2014 (70 milioni di passivo), l’annunciato dissesto finanziario dell’AC Milan non induce a sognare troppo in grande. Ecco perché le carte da giocare a disposizione di Adriano Galliani restano pochine. 

È prevedibile che sul fronte difensivo non si interverrà, vista la ritrovata vena di Mexes e compagni. A centrocampo un innesto che possa regalare al Milan qualità e quantità sarebbe utile, ma mentre prima - con Montolivo ancora fermo ai box - si trattava di emergenza assoluta, adesso probabilmente si tenderà e procrastinare almeno fino a giugno, con la speranza che nel frattempo possa materializzarsi qualche occasionissima. 

Resta l’attacco, dove dovrà essere gestita l’assenza di Honda, via con la nazionale del suo paese per almeno un mese. L’opzione al momento più praticabile (e ovviamente meno costosa) è quella che vede Diamanti in pole position per indossare una casacca rossonera. La strada più impervia, ma decisamente suggestiva, porta invece a Madrid dove, dopo il corteggiamento estivo del Milan, è finito suo malgrado Alessio Cerci. L’operazione sarebbe doppiamente affascinante perché è allo studio uno scambio di prestiti con Fernando Torres, affare che consentirebbe al Milan di liberarsi dell’ingaggio più pesante (e anche più inutile) dell’intera rosa. Il problema è che sul talento di Velletri, desideroso di tornare in fretta in Italia, c’è agguerrita l’altra squadra di Milano e, visti i trascorsi tra Diego Pablo Simeone e l’Inter, l’operazione potrebbe rivelarsi più spinosa del previsto.

Definiti intanto gli appuntamenti per la squadra. Sabato 27 dicembre il Milan partirà per gli Emirati Arabi per la tournée invernale. La prima giornata sarà dedicata al viaggio e alla cena al Jumeirah Emirates Towers, il quartier generale rossonero in Dubai. Domenica 28 elunedì 29 allenamenti ed eventi promozionali per Inzaghi ed i rossoneri. Martedì 30 dicembre alle 20, il grande appuntamento Real Madrid-Milan, con la squadra di Pippo Inzaghi che affronterà quella di Carletto Ancelotti. Mercoledì 31 dicembre al termine della cena post-partita, volo di ritorno verso l'Italia.