> <
RSS

Grillo: sul G8 di Genova, tutti farisei

Un post al vetriolo, quello che Beppe Grillo ha pubblicato in merito al caso De Gennaro e al G8 di Genova. Un post in cui l'ex comico attacca le dichiarazioni ipocrite che si sono succedute in queste ore. Perché qualcuno - scrive Grillo - deve pure aver nominato De Gennaro, e qualcuno deve aver anche ordinato, avallato o protetto la condotta della Polizia.

Renzi si pronuncia. De Gennaro rimane

Il premier mette fine al pesante silenzio del governo sulla bufera che ha coinvolto De Gennaro dopo la sentenza G8, e rinnova il suo appoggio al presidente di Finmeccanica. Assoluta contrarietà è stata espressa invece da Nichi Vendola, leader di Sel, che ha sottolineato come il Pd, artefice della scelta di De Gennaro al vertice di Finmeccanica, debba dare delle spiegazioni.

Scajola: non fui io a scegliere De Gennaro

Claudio Scajola, ministro dell'Interno all'epoca del G8 di Genova, prende le distanze da quegli eventi e ribadisce che non fu sua la nomina di De Gennaro a capo della polizia. Scajola, poi, ricorda il clima di tensione che precedette il summit, e ammette l'impreparazione della polizia nel gestirlo. Ma rammenta anche le violenze dei no global.

Scatta la risoluzione contro De Gennaro

Sono stati due deputati di Alternativa libera (ex M5S) a dare un più concreto seguito alle tante polemiche riversatesi su De Gennaro dopo la sentenza G8 Genova. Artini e Prodani hanno annunciato una risoluzione in cui e chiedono la rimozione dalla presidenza di Finmeccanica. Carica che, per i due deputati, De Gennaro non avrebbe mai dovuto ricoprire.

Per Orfini, De Gennaro se ne deve andare

Matteo Orfini punta il dito contro Gianni De Gennaro, ora presidente della Finmeccanica e capo della Polizia all'epoca dei fatti di Diaz. E mentre i pentastellati si dicono curiosi di sapere cosa ne pensi Matteo Renzi e Sel chiede al premier di fare qualcosa, il Parlamento lavora sul reato di tortura. In testo attualmente in discussione, per M5S, va totalmente rivisto.

Bufera su De Gennaro

Dopo la sentenza del G8, si abbatte la bufera su Gianni De Gennaro.Tra i protagonisti dei fatti della Diaz, il presidente di Finmeccanica è nell'occhio del ciclone: il presidente del Pd Matteo Orfini reputa vergognoso che ricopra una carica tanto importante; dello stesso avviso i Cinque Stelle, che però aggiungono: «Orfini guardi in casa propria».

Serracchiani: De Gennaro? Valuterà secondo coscienza

Il vicesegretario del Pd Debora Serracchiani a Otto e mezzo non parla di dimissioni, per De Gennaro, ma di responsabilità morale. E sottolinea che la posizione di Matteo Orfini non corrisponde a quella ufficiale del Pd. Ma Laura Puppato si schiera con il presidente dem, e annuncia una battaglia per le dimissioni del numero uno di Finmeccanica.

> <