29 marzo 2020
Aggiornato 19:30
Condannati i vertici della Polizia per le violenze della Diaz

De Gennaro: La sentenza sulla Diaz va rispettata

«Le sentenze della magistratura devono essere eseguite, sia quando condannano, sia quando assolvono». E' quanto afferma il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, in merito alla sentenza che condanna i vertici della polizia di Stato

ROMA - «Le sentenze della magistratura devono essere rispettate ed eseguite, sia quando condannano, sia quando assolvono». E' quanto afferma il prefetto Gianni De Gennaro, sottosegretario alla presidenza del Consiglio, in merito alla sentenza che condanna i vertici della polizia di Stato per le violenze alla scuola Diaz durante il G8 del 2001.

DOLORE PER CHI HA SUBITO TORTI - «In seguito alle decisioni per i gravi fatti di Genova - scrive De Gennaro - le competenti Autorità hanno puntualmente adempiuto a tale dovere, operando con tempestività ed efficacia. Per quanto mi riguarda ho sempre ispirato la mia condotta e le mie decisioni ai principi della Costituzione e dello Stato di diritto e - aggiunge l'ex capo della Polizia - continuerò a farlo con la stessa convinzione nell'assolvimento delle responsabilità che mi sono state affidate in questa fase».
«Resta comunque nel mio animo un profondo dolore per tutti coloro che a Genova hanno subito torti e violenze ed un sentimento di affetto e di umana solidarietà - conclude De Gennaro - per quei funzionari di cui personalmente conosco il valore professionale e che tanto hanno contribuito ai successi dello Stato democratico nella lotta al terrorismo ed alla criminalità organizzata».

CICCHITTO: BASTA RICOSTRUZIONI FAZIOSE - «Giardullo mente sapendo di mentire. Il modulo di ordine pubblico scelto a Genova fu identico a quello scelto a Napoli precedentemente ai tempi del governo Prodi. Quindi è una semplice manifestazione di faziosità politica quella di attribuire al governo Berlusconi alcune delle scelte di fondo e anche scelte specifiche fatte a Genova». Lo dice Fabrizio Cicchitto, capogruppo Pdl alla Camera dopo la sentenza sulle violenze durante il G8 di Genova

GIULIETTI: LA RAI HA ACQUISITO I DIRITTI SUL FILM DELLA DIAZ - «La Rai attraverso l'amministratore delegato di Rai cinema, Paolo Del Brocco,ha fatto sapere di aver già definito l'acquisto dei diritti per il film 'Diaz'. Ci sembra doveroso ringraziare chi ha voluto così raccogliere l'appello anche da noi sostenuto e che, in poche ore, ha già raccolto oltre ventimila firme». E' quanto afferma in una nota Beppe Giulietti, portavoce Articolo 21.
«Ora restiamo in attesa di sapere quando e dove, magari su Rai uno in prima serata, il film sarà trasmesso, ovviamente nel pieno rispetto dei contratti sottoscritti. Mandare in onda il film di Daniele Vicari - sostiene Giulietti -, rappresenta una sorta di risarcimento civile, un contributo a non dimenticare una giornata di straordinaria 'sospensione della Costituzione', affinchè quella follia non possa più ripetersi. Ora, naturalmente, dopo le condanne e le scuse della polizia, sarà il caso che comincino a scusarsi i responsabili politici della 'macelleria genovese' che, sino a questo momento si sono nascosti dietro le condanne dei poliziotti».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal