15 ottobre 2019
Aggiornato 00:30

Mercato: paperone Karius fa felice anche il Milan

La finale di Champions League, segnata irrimediabilmente dagli errori grossolani ed imbarazzanti del portiere tedesco del Liverpool, potrebbe aver messo in moto una grossa trattativa di mercato.

Il portiere tedesco del Liverpool Karius
Il portiere tedesco del Liverpool Karius ANSA

MILANO - E pensare che tra i tifosi del Milan c’è stato chi ha avuto il coraggio di ripudiare Gianluigi Donnarumma per gli errori nella finale di Coppa Italia contro la Juventus, addirittura rifiutando la maglietta lanciata in curva dopo la trasferta di Bergamo con l’Atalanta. Cosa dovrebbero dire i fans dei Reds dopo l’oscena performance di Loris Karius, portiere (si fa per dire) tedesco classe 1993, che ha regalato la Champions League al Real Madrid? Invece i sostenitori del Liverpool hanno applaudito il sadico piangente estremo difensore di Klopp, al contrario di quanto fanno abitualmente i milanisti che ormai hanno preso di petto Gigio, più che altro per le sue sconveniente relazioni professionali con l’odiato - dal popolo rossonero - Mino Raiola.

Obiettivo n. 1
L’inattesa piega presa dagli eventi sabato sera in quel di Kiev ha modificato improvvisamente gli scenari, ha acuito l’esigenza in casa Liverpool di acquistare un portiere con la P maiuscola e di fatto ha acceso i riflettori su Casa Donnarumma. Pare proprio sia diventato il classe ’99 di Castellammare di Stabia, che oggi inaugurerà il nuovo corso della nazionale azzurra di Roberto Mancini con la maglia da titolare dell’Italia, l’obiettivo numero uno dei Reds. Notizia che ha fatto sorridere non poco Fassone e Mirabelli, alle prese con il problema piuttosto serio di dover far fronte ad una situazione economica non certo rasserenante e con la spada di Damocle della squalifica dalle coppe europee che pende minacciosa.

Ballano 30 milioni
Ancora una volta però il problema potrebbe essere rappresentato dalle cifre: il Milan pretende almeno 70 milioni per il diciannovenne portiere titolare della squadra rossonera e della nazionale italiana; il Liverpool pretenderebbe di spenderne non più di 40. Una strategia, quella inglese, sapientemente messa in atto da Mino Raiola che dopo aver preteso per il suo giovane assistito uno stipendione da fuoriclasse assoluto da 6 milioni di euro netti l’anno, adesso vorrebbe farlo passare per un Karius qualsiasi, valutandolo poco più di 30 milioni. E non ingannino le parole registrate ieri del procuratore campano («Gigio resterà al Milan fino a fine carriera»), si trattava di una provocazione per costringere la dirigenza rossonera a venir fuori. 
La sentenza di Nyon ai danni del Milan, specie in caso di esclusione dalle coppe, potrebbe dare un’accelerata alla trattativa ma una cosa è certa: l’affare non si farà alle condizioni di Raiola. Il prezzo lo decidono Fassone e Mirabelli, altrimenti Gigio resta a Milanello.