15 novembre 2019
Aggiornato 01:00

Alonso pilota più ricco. E Vettel guadagna 27 milioni più di Verstappen

Dalla prima lista degli stipendi della Formula 1 2017 emergono cifre incredibili: i 40 milioni incassati da Nando (ben nove in più di Hamilton) e gli appena 3 del promettente Max, più povero dei veterani avversari che spesso batte

Sebastian Vettel e Max Verstappen insieme sul podio
Sebastian Vettel e Max Verstappen insieme sul podio Red Bull

ROMA – I motivi per cui Fernando Alonso avrebbe deciso, a 35 anni compiuti, di rimandare ancora il suo addio alla Formula 1 potrebbero non essere puramente sportivi: pure il ricco stipendio che continua a percepire dalla McLaren è certamente un ottimo incentivo a continuare a tenere il casco ben calzato sulla testa, piuttosto che appenderlo al chiodo, nonostante la frustrazione provata per la scarsa competitività della sua monoposto. L'ex ferrarista asturiano, infatti, anche in questa stagione si riconferma paperone dei piloti: la prima stima dell'anno, pubblicata dal sito specializzato americano The Drive, indica in addirittura quaranta milioni di dollari l'assegno che gli staccherà a fine 2017 il team di Woking, esclusi naturalmente gli ulteriori bonus che potrebbe percepire in caso di risultati positivi. Il confronto con i suoi colleghi è letteralmente imbarazzante: a seguirlo in questa speciale classifica sono Lewis Hamilton e Sebastian Vettel, rispettivamente con 31 e 30 milioni. Come a dire che Nando guadagna un terzo in più dei suoi due storici rivali, pur avendo ottenuto l'anno scorso meno di un quarto dei punti conquistati da loro. Colpa soprattutto del team che non gli ha messo a disposizione una vettura all'altezza, certo: ma ciò non toglie che l'investimento della storica scuderia inglese non sia comunque tra i più efficienti...

Fernando Alonso
Fernando Alonso (McLaren)

I guadagni degli altri
Decisamente più umani i salari dei rispettivi compagni di squadra. Valtteri Bottas, con il suo passaggio dalla Williams alla Mercedes, si è notevolmente arricchito: quest'anno incasserà infatti 8,5 milioni di dollari, più del secondo ferrarista Kimi Raikkonen, fermo a 7. Ancor più oculato è l'altro top team, la Red Bull: Daniel Ricciardo viene pagato 6,5 milioni a stagione, Max Verstappen solo tre (e per questo è il pilota che ha portato più punti di tutti alla sua squadra rispetto al suo stipendio). Addirittura più del giovane olandese, rivelazione dello scorso Mondiale, si porta a casa Felipe Massa, che per farsi convincere ad uscire dal suo ritiro lampo ha preteso cinque milioni dalla Williams, mentre alla pari con lui c'è Nico Hulkenberg, grazie al contratto appena firmato con il suo nuovo datore di lavoro, la Renault. Seguono Sergio Perez (2,5 milioni), Romain Grosjean (1,5 milioni), Kevin Magnussen e Jolyon Palmer (1 milione). Tutti gli altri piloti si fermano sotto al milione: 750 mila euro a testa per la coppia della Toro Rosso Daniil Kvyat e Carlos Sainz, appena 300 mila dollari bonus esclusi per il secondo della McLaren Stoffel Vandoorne (quasi cento volte meno del suo compagno di squadra), 285 mila per Marcus Ericsson, 185 mila per Esteban Ocon e 150 mila per Pascal Wehrlein. Non si conosce invece il salario del debuttante della Williams Lance Stroll, ma avendo come papà un miliardario (il magnate di Ralph Lauren e Tommy Hilfiger) in ogni caso non avrà problemi ad arrivare alla fine del mese...