21 maggio 2019
Aggiornato 08:30

Tra sogno e realtà, il mercato del Milan prende forma

Il Milan di oggi sconta un mercato deficitario a gennaio: mancano giocatori adatti a giocare sulle fasce nel 4-4-2 di Mihajlovic, Per questo si pensa di nuovo all’olandese El Ghazi. L’obiettivo della difesa invece resta Mammana, ma adesso che da battere la pericolosa concorrenza del Napoli.

MILANO - Se c’è una cosa su cui tutti - addetti ai lavori, tecnici, osservatori neutrali e naturalmente tifosi rossoneri - sono d’accordo è che la campagna acquisti invernale del Milan è stata indiscutibilmente deficitaria. I mancati introiti derivanti dalle operazioni Luiz Adriano-Jiangsu Sunin e El Shraarawy-Monaco, prima concluse poi mandate per aria, hanno provocato un immobilismo pernicioso che adesso costringe Sinisa Mihajlovic ai salti mortali per cercare di mettere in campo una squadra decente.

Formazione in alto mare per il Genoa
È capitato già domenica scorsa con l’Udinese, quando a marcare visita è stato il solo Bonaventura, ricapiterà nel prossimo turno di campionato contro il Genoa, visto che mancherà lo slovacco Kucka e sono a rischio lo stesso insostituibile Jack e perfino Niang.
Non ci voleva un genio per capire che con il nuovo modulo adottato dal tecnico serbo, un 4-4-2 forse scolastico ma estremamente redditizio ed efficace, al Milan di Mihajlovic sarebbero serviti almeno un paio di esterni di ruolo, visto che i due titolari, Bonaventura e Honda, non hanno alternative in rosa.

Lo strano destino del faraone
La cosa più incomprensibile è che un uomo di fascia con determinate caratteristiche a Milanello c’era, appena tornato dal Principato di Monaco: Stephan El Shaarawy. Pensate un po’ quanto il Faraone sarebbe stato utile al Milan in queste settimane che Bonaventura ha marcato visita. Invece è emigrato sotto il Cupolone e adesso segna gol preziosi per la Roma, tra l’altro una concorrente diretta per il terzo posto in classifica che potrebbe voler dire Champions League.

È El Ghazi l’uomo giusto per il futuro
Ma tant’è, il passato è passato. Ora Galliani sembra aver iniziato a pensare al futuro e il nome caldo di queste ultime ore, peraltro già accostato al Milan nella finestra invernale del mercato, è quello di  Anwar El Ghazi. L’esterno olandese di origini marocchine, classe ’95, è il profilo giusto per colmare la voragine che si è aperta nella rosa rossonera dopo la partenza di Cerci e Suso. Sembra che l’ad per la parte sportiva del club di via Aldo Rossi abbia già trovato un accordo con l’entourage del calciatore, un quinquennale sulla base di circa due milioni a stagione. Resta da convincere l’Ajax che già a gennaio ha sparato alto (10 milioni) e non abbasserà certo le pretese in estate, anzi. Ma d’altronde stiamo parlando di un prospetto tra i più interessanti del calcio europeo e qualche sacrificio toccherà pur farlo.

Mammana, c’è anche il Napoli
Sacrificio che sarebbe necessario anche per mettere le mani su un altro obiettivo prezioso per il mercato estivo del Milan: Emanuel Mammana. Il giovanissimo difensore argentino, classe ’96, dopo aver sfiorato il calcio italiano con la querelle invernale tra Fiorentina e River Plate, è entrato nei radar di Galliani che ha individuato in lui il partner ideale di Alessio Romagnoli per il futuro del Milan. L’unico problema è che la stessa idea sembra averla avuta anche il Napoli, club notoriamente più deciso e incisivo  una volta individuato un calciatore da prendere. Anche qui si parte da una base d’asta di circa 10 milioni. Chi sarà più abile e più rapido nel chiudere la trattativa?