5 dicembre 2019
Aggiornato 22:30

Milan, svolta per Destro. Poi caccia a Santon e Baselli

Galliani cerca la risposta giusta all’Inter che ha già preso Podolski e Shaqiri, ma il vero obiettivo è costruire una squadra sempre più azzurra, come richiesto espressamente da Berlusconi.

MILANO - Fuochi d’artificio in riva al Naviglio. A un Milan che apre le danze con l’operazione Cerci risponde l’Inter con il doppio colpo Podolski-Shaqiri. E i rossoneri stanno a guardare? Nemmeno per sogno. Adriano Galliani sta infatti tessendo una tela sofisticatissima che dovrebbe portare in tempi brevi un nuovo centravanti alle dipendenze del tecnico Inzaghi. Parliamo naturalmente di Mattia Destro, sempre più ai margini nel progetto Roma di Garcia, relegato ormai costantemente in panchina e per questo arrivato alla soglia di sopportazione massima.

INSOFFERENZA DESTRO - È partita proprio dall’insofferenza dell’attaccante giallorosso una delle manovre più suggestive di questa finestra di mercato di gennaio: Destro confida al suo procuratore Vigorelli di voler cambiare aria da subito e immediato inizia il filo diretto con il Milan che intanto ha perso Fernando Torres, tornato finalmente a casa in riva al Manzanarre. 

La novità di queste ultime ore è che la Roma pare aver accettato l’idea ineluttabile di perdere il giocatore, visto il suo scarso utilizzo. La difficoltà adesso è trovare una formula che soddisfi entrambe le parti (Roma e Milan, perché un eventuale trasferimento farebbe comunque felice  Destro) .

NIENTE SCAMBIO CON PAZZINI - Galliani ha già sondato il terreno con Walter Sabatini, riprendendo le fila di un discorso già iniziato sotto un ombrellone di Forte dei Marmi la scorsa estate. L’iniziale proposta rossonera era di uno scambio di prestiti tra Destro e Pazzini, immediatamente rispedita al mittente dai vertici giallorossi.

Per questo al Milan non resta che una soluzione: cedere il Pazzo altrove, liberare un armadietto a Milanello e provare a ottenere per Destro un prestito con diritto (più facilmente obbligo) di riscatto a una cifra complessiva di 15 milioni di euro.

La Roma ci pensa e a questo punto una conclusione positiva della vicenda è tutt’altro che improbabile.

TRATTATIVA NIANG-SANTON CON IL NEWCASTLE - Adriano Galliani però sta lavorando alacremente sugli altri due fronti caldi del mercato rossonero, quello del terzino sinistro e quello del centrocampista centrale. Tra i tanti nomi sventagliati dai giornali nelle ultime ore, sono due quelli che maggiormente intrigano la dirigenza rossonera: quello di Santon del Newcastle e quello di Baselli dell’Atalanta.

Per quanto riguarda il terzino ex-Inter, la trattativa iniziata da qualche giorno con il club inglese per il trasferimento di Niang in terra d’Albione potrebbe senza dubbio facilitare l’operazione Santon. Allo studio anche qui uno scambio di prestiti che possa rimandare a giugno decisioni definitive.

BASELLI COME BONAVENTURA - Più complicata la questione che coinvolge il centrocampista della nazionale under 21. Su Baselli, grande protagonista di questo inizio di stagione atalantina, la concorrenza è elevata ma Galliani è al lavoro per replicare l’affare Bonaventura. È probabile una chiusura della trattativa a giugno, ma non sono esclusi colpi di scena dell’ultimo minuto, specie se Van Ginkel fosse rispedito al Chelsea, con un sentito ringraziamento a Josè Mourinho per il triplice pacco regalo che in appena 12 mesi è riuscito a sbolognare al Milan: Essien, Torres e appunto Van Ginkel.